Apple AirPods: continuano i problemi

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Con l’iPhone 7 e l’iPhone 7 Plus Apple si è sbarazzata del jack cuffie da 3,5 mm, entrando nel mondo dell’audio senza fili. Le cuffie wireless AirPods sono state la soluzione elegante, ma le stiamo ancora aspettando. Originariamente disponibili poco dopo il nuovo iPhone nel mese di ottobre e ora in uscita a fine 2016, secondo alcuni rapporti gli AirPods potrebbe essere ritardati addirittura nel 2017.

I nuovi dettagli provengono dall’analisi della catena di fornitura, in particolare dalla crescita dei profitti prevista di Inventec nel mese di gennaio. Inventec dovrebbe produrre le cuffie wireless per Apple, quindi questo è visto come un indicatore chiave.

apple airpods problemi informatblog

Anche se Apple lancerà gli AirPods a ‘fine 2016‘, il divario di tre mesi tra il lancio dell’iPhone 7 senza jack e la disponibilità delle cuffie wireless non è un problema significativo. Gran parte dell’enfasi intorno alla rimozione del jack per cuffie è stata neutralizzata prima del lancio di iPhone 7, nei diciotto mesi dalla prima voce di corridoio. La rabbia che c’era nei media è stata invece in gran parte attenuata con l’inclusione di un adattatore Lightning a 3.5mm nella confezione dell’iPhone 7.

Ciò illustra l’attenzione di Apple per i dettagli. In un mondo perfetto gli AirPods sarebbero stati immediatamente in vendita accanto ai due iPhone 7. Sarebbero stati facili da vendere per il personale degli Apple Store, che avrebbero illustrato la spinta di Apple verso l’audio wireless. Invece il rilascio è stato pubblicizzato alla fine di ottobre, ossia un paio di settimane dopo l’uscita del telefono. Non un disastro, ma leggermente imbarazzante.

La scadenza ritardata è passata e con essa la promessa di un altro termine, questa volta per la fine del 2016. Ecco due date perse. Se come riportato Apple rilasciasse gli AirPods nel 2017, avrà aspettato quattro mesi tra la sua decisione coraggiosa e la sua soluzione ad un problema auto-imposto.

Non c’è dubbio che il design e la decisione di marketing per passare al wireless sono forti, ma operativamente qualcosa è andato male. Non avere a disposizione gli AirPods di per sé non è motivo di preoccupazione, ma lo è il fatto che questo sia accaduto. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *