Apple, al via il primo corso gratuito per sviluppare app in Italia

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

All’inizio di quest’anno, Apple ha annunciato che avrebbe iniziato a costruire il suo primo iOS App Development Center a Napoli. Oggi, come riportato da The Guardian, il centro ha avviato l’apertura per gli studenti. Il centro si trova presso l’Università Federico II della città di Napoli, che è stata inaugurata nel 1225, il che la rende una delle università più antiche del mondo.

Il corso gratuito organizzato da Apple è lungo nove mesi ed è tenuto in lingua inglese; nasce con l’intenzione di dare agli studenti le competenze e la formazione “pratica” per creare le proprie app iOS.

Secondo il The Guardian, 4000 persone provenienti da tutto il mondo si sono candidate per un posto al corso in un periodo di 11 giorni, ma solo 200 sono state prese. Apple ha dichiarato di essere stata “molto, molto” coinvolta nel progetto, contribuendo a progettare le grandi aule a pianta aperta dell’Accademia, e gestendo minuziosamente i dettagli fino all’illuminazione e al colore delle pareti.

napoli apple data center italia

Tuttavia, se le foto del Guardian si rivelassero vere, l’accademia di Napoli non avrà il layout estremamente lucido di un Apple Store, ma risulterà in qualcosa di molto più pratico.

Ogni studente iscritto al corso riceverà gratuitamente un iPhone, un iPad e un Macbook. Il mondo interno dell’accademia sarà per lo più suddiviso in gruppi, e la concorrenza tra le squadre sarà “parte fondamentale delle lezioni”. Il corso è aperto a candidati provenienti da tutto il mondo, ma, secondo The Guardian, la maggior parte degli iscritti iniziali proviene dal Sud Italia.

I piani per l’accademia sono nati dopo un incontro tra il CEO di Apple Tim Cook e il primo ministro italiano Matteo Renzi, nel mese di gennaio. Il governo Renzi ha lodato la collaborazione come un segno dell’interesse e degli investimenti nel sud del paese.

Cook ha detto ai giornali locali a gennaio che ha ammirato lo “spirito imprenditoriale” di Napoli e ha pensato che Apple avrebbe potuto “fare più di una differenza”. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *