Apple chiede a Samsung altri 180 milioni di dollari

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Poco più di una settimana dopo che Samsung ha pagato ad Apple più di 548 milioni di dollari per aver violato i brevetti e i progetti di iPhone, Apple ha chiesto a un tribunale degli Stati Uniti di costringere il suo più grande rivale nel mondo degli smartphone a sborsare ancora più soldi.

Nei documenti del tribunale presentati Mercoledì, Apple ha detto che Samsung Electronics deve ancora quasi 180 milioni di dollari di danni supplementari e interessi. Questi ulteriori danni si riferiscono a cinque dispositivi Samsung che violano i brevetti di Apple e sono stati venduti dopo che un verdetto della giuria del 2012 ha trovato Samsung responsabile nella disputa.

I rappresentanti di Samsung e Apple non sono stati raggiungibili per un commento. La disputa di lungo corso risale al 2011, quando Apple citò per la prima volta in giudizio Samsung relativamente al fatto che la società di elettronica sudcoreana aveva violato i suoi brevetti e copiato il look di iPhone. Dopo il verdetto del 2012, Samsung è stata condannata a pagare 930 milioni di dollari ad Apple.

Nel mese di maggio la corte d’appello degli Stati Uniti ha tolto circa 382 milioni di dollari da quel totale, dicendo che Apple non ha potuto proteggere l’aspetto del telefono attraverso la registrazione di marchi. Samsung ha pagato ad Apple ha la maggior parte della cifra pattuita, 548.200.000 dollari, il 14 dicembre.

In un caso che ha saputo simboleggiare la guerra globale nel mondo degli smartphone, Apple e Samsung hanno ancora più battaglie avanti a loro. Un altro giudizio sui restanti danni relativi alla decisione della corte d’appello andrà avanti il prossimo marzo presso la corte federale di San Jose, California.

Samsung ha anche lanciato un appello per il caso alla Corte Suprema degli Stati Uniti. La società ha detto che Apple è stata compensata molto più di quanto si meritava per i brevetti sui design della parte frontale del telefono, della lunetta e delle icone delle app di iPhone. L’alta corte deve ancora decidere se accettare o meno che il caso venga rivisto e riaperto.

Il caso è “Apple Inc. v. Samsung Electronics Co Ltd presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto settentrionale della California” n° 11-cv-1846.

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *