Apple dovrà sospendere le vendite di iPhone 6 a Pechino

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Un regolatore cinese ha ordinato ad Apple di smettere di vendere due versioni del suo iPhone 6 a Pechino dopo aver decretato che sembrano troppo simili a quelli di un concorrente. Apple dice che le vendite stanno proseguendo, e che farà appello.

La sentenza proviene da un tribunale di proprietà intellettuale ed è l’ultimo ostacolo legale per Apple nel suo secondo più grande mercato globale a seguito della sospensione del suo servizio iTunes nel mese di aprile. L’azienda deve affrontare anche l’aumento della concorrenza dei marchi locali, tra cui Huawei e Xiaomi, che stanno guadagnando sempre più quote di mercato.

L’ordine del tribunale di Pechino afferma che l’iPhone 6 e 6 Plus sembrano troppo simili allo smartphone 100C prodotto da Shenzhen Beili, un piccolo marchio cinese. L’ordine è stato emesso in maggio, ma è stato riportato solamente questa settimana dalla stampa cinese.

Apple ha detto che ha fatto appello ad un tribunale amministrativo di Pechino e che l’iPhone 6 e 6 Plus rimarranno in vendita fino alla sentenza definitiva.

Nel frattempo l’azienda californiana ha sospeso i suoi servizi iBook e iTunes Movies nel mese di aprile, secondo quanto detto a causa di un ordine da parte dei regolatori cinesi. La società ha detto che spera di riprendere l’erogazione di questi servizi al più presto.

Nel mese di maggio, Apple ha subito un’altra battuta d’arresto, quando un tribunale ha stabilito che una società cinese è autorizzata a utilizzare il marchio iPhone su borse, portafogli e altri articoli di pelletteria. Apple ha detto che anche in quel caso avrebbe presentato ricorso. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *