BlackBerry chiude con lo sviluppo di smartphone

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

BlackBerry era un produttore di smartphone di incredibile successo, ma con iPhone e Android tutto è cambiato. Ora, la società non riesce nemmeno a vendere un misero un milione di unità in un trimestre, per non parlare di competere contro Apple e Samsung.

Così, con una quota di mercato che si aggira intorno all’0,1%, BlackBerry ha deciso di fare un grande passo indietro, annunciando che fermerà lo sviluppo dei propri smartphone e si concentrerà sul più redditizio mercato dei servizi software per le aziende.

“La società prevede di terminare lo sviluppo hardware interno e manderà in outsourcing questa funzione ai partner. Questo ci permette di ridurre i requisiti di capitale e di migliorare il rendimento del capitale investito”, afferma il CEO di BlackBerry John Chen. L’azienda ha dato la notizia nella sua relazione dei guadagni del secondo trimestre.

blackberry-fine-informatblog

BlackBerry ha provato a cambiare le cose per i suoi smartphone con Android. Ha lanciato il Priv, il suo primo dispositivo che esegue il sistema operativo di Google, nel 4° trimestre 2015. Uno smartphone di punta, ma troppo costoso per dare alla sua quota di mercato un notevole impulso. Infatti le vendite sono state veramente basse.

Il secondo smartphone Android è più rilevante per la strategia mobile di BlackBerry, perché non è stato sviluppato direttamente dalla società. Chiamato DTEK50, in realtà è un Alcatel Idol 4 rimarchiato. Si tratta di uno smartphone più conveniente, anche se sembra ancora un po’ fuori luogo nel mercato di oggi, guardando le specifiche.

Il DKTEK50 è in realtà il tipo di smartphone che continueremo a vedere con BlackBerry. È sviluppato da un partner hardware, ed è più contenuto a livello di personalizzazione. Tuttavia ci sono software e servizi BlackBerry al suo interno, che probabilmente continueranno ad essere offerti anche su dispositivi imminenti.

Interpretando le parole di Chen, BlackBerry darà una certa direzione da seguire ai suoi partner nello sviluppo di nuovi dispositivi, almeno a livello di software, lasciando fare a loro il lavoro pesante integrando il proprio software in Android.

La nuova strategia di BlackBerry di concentrarsi sul software sembra funzionare finora. “Nel secondo trimestre abbiamo più che raddoppiato il fatturato software rispetto all’anno scorso e dato all’azienda il più alto margine lordo della sua storia”, dice Chen. Ma c’è di più: BlackBerry sta anche puntando forte sul suo servizio di messaggistica, annunciando che ha “firmato un accordo di licenza strategico verso una crescita globale del nostro business consumer con BBM”.

Sarà interessante vedere come questo influenzerà la portata di BlackBerry nel mercato degli smartphone e se effettivamente aiuterà a funzionare meglio dal punto di vista finanziario. Costruire smartphone è costoso e, per molte aziende, non del tutto redditizio. Il software, d’altra parte, può costare meno, è più facile da vendere e, di conseguenza, molto più redditizio per BlackBerry.

L’annuncio di BlackBerry sarà senza dubbio porterà molti a chiedersi se altre aziende dovrebbero seguire l’esempio. Microsoft è un esempio perfetto, in quanto anch’essa dura molta fatica ad attirare i consumatori con i suoi smartphone Windows, ma ci sono anche altri nomi, come HTC, che si trovano in una posizione simile.

La redditività è una questione fondamentale nel mercato degli smartphone di oggi. La maggior parte dei profitti sono realizzati da Apple e Samsung, mentre molte altre aziende hanno molto pochi guadagni, se non perdite. E, se non sono in una posizione di forza dalla prospettiva delle vendite, farebbero bene a considerare di chiudere. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *