Ecco come hackerare uno smartphone ricaricandolo via USB e laptop

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Spesso chi ha uno smartphone connette il proprio dispositivo a un computer portatile tramite connessione USB quando la batteria sta per esaurirsi. I ricercatori di sicurezza, tuttavia, hanno avvertito che questa pratica apparentemente innocua di ricarica della batteria potrebbe rendere il proprietario vulnerabile agli hacker.

I ricercatori della società di sicurezza Kaspersky Lab hanno testato diversi smartphone con diverse versioni di iOS e Android per sapere quali dati vengono trasferiti all’esterno mentre i dispositivi sono collegati ad un Mac o ad un PC.

I ricercatori hanno scoperto che utilizzando solo un cavo micro USB e un computer, è possibile installare un’app nel telefono in 3 minuti la quale è in grado di accedere ai dati privati ​​del telefono.

smartphone-virus-hacker-informatblog

Tra le informazioni private trafugate dal computer portatile a cui il telefono è collegato a durante la ricarica ci sono il nome del dispositivo, il numero di serie, il produttore e tipo di dispositivo.

Alexey Komarov di Kaspersky Lab ha spiegato che le porte USB sono progettate per fornire sia le capacità di ricarica che il trasferimento dei dati, in modo che un dispositivo mobile che si collega a una porta USB “tenti una stretta di mano” con il computer, durante la quale possono essere trasmessi alcuni dati.

Ciò significa che gli smartphone collegati tramite USB nei computer che sono collegati a una rete pubblica, come quelli nei bar e negli aeroporti, possono mettere i dati degli utenti a rischio di essere violati.

Kaspersky ha detto che questa rappresenta una minaccia per la sicurezza, dato che gli smartphone possono servire come un identificatore univoco per chiunque sia interessato a raccogliere tali dati per un possibile uso futuro.

“Se siete un dirigente di una grande azienda, potreste facilmente diventare il bersaglio di hacker professionisti“, ha detto Komarov. “E non devono nemmeno essere altamente qualificati per eseguire questo tipo di attacchi, in quanto tutte le informazioni necessarie possono essere facilmente reperibili su Internet.”

Kaspersky ha invitato gli utenti ad utilizzare solo computer affidabili durante la ricarica dei dispositivi, utilizzando una password o il riconoscimento delle impronte digitali, astenendosi dallo sbloccare il telefono durante la carica e utilizzando le tecnologie di crittografia e i contenitori sicuri per proteggere i dati del telefono.(Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *