Google pensa ad eliminare le password da Android

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Google prevede di sbarazzarsi delle password sulle app Android entro la fine del 2016. Al contrario, esse si sbloccheranno in base a chi le sta usando e dove.

Noto come Project Abacus, questo nuovo sistema di sicurezza utilizzerebbe i dati biometrici univoci, come ad esempio il vostro modo tipico di scrittura, il vostro volto e la vostra posizione, per capire se siete davvero voi ad usare il telefono, piuttosto che basarsi su una password.

Il sistema biometrico di sicurezza si basa su un “punteggio di fiducia“: il vostro telefono Android sarà costantemente alla raccolta di dati di base sulle vostre abitudini di digitazione e la vostra posizione in modo da formare una “firma” di chi siete nel corso del tempo. Utilizzando questi dati, esso darà un punteggio di fiducia per discriminare se si fida o meno.

google-eliminare-password-android-informatblog

Il punteggio di fiducia minimo per sbloccare un’app dipenderebbe da quanto sensibili sono le informazioni, quindi una applicazione bancaria potrebbe avere una più alta soglia di punteggio fiducia rispetto ad un social network o ad un gioco.

Secondo Daniel Kaufman, il capo del dipartimento di ricerca Google Advanced Technology and Projects, l’azienda fornirà ai progettisti di applicazioni una API per calcolare il punteggio di fiducia che poi potrà essere integrato in qualsiasi app. Le banche testeranno questa API partire dal prossimo mese, ha detto.

Il gigante della ricerca ha già avuto modo di sperimentare i sistemi di sblocco biometrici nascenti. Per esempio, la funzione “Smart Lock“, dà la possibilità di sbloccare il telefono Android in un luogo prestabilito di fiducia, senza una password. E’ anche possibile impostare una voce di fiducia e di un dispositivo di fiducia.

“Supponendo che tutto possa andar bene, questo meccanismo dovrebbe essere disponibile per tutti gli sviluppatori Android in tutto il mondo entro la fine dell’anno”, ha detto Kaufman durante l’evento annuale Google I/O tenutosi all’inizio di questo mese.

I possibili usi futuri

Nel febbraio di quest’anno, HSBC e First Direct hanno rilasciato sistemi di impronte digitali e riconoscimento vocale per autenticare quasi 15 milioni di account on-line. Joe Gordon, capo del contatto con i clienti di HSBC, ha dichiarato: “Questo elimina le password tanto diffamate per sostituirle con qualcosa di più sicuro: non c’è bisogno di ricordare dove abitavate quando avevate 5 anni, o la misura del vostro interno coscia”.

Nel frattempo, i portafogli intelligenti come Apple Pay, Samsung Pay e Android Pay hanno iniziato a permettere agli utenti di pagare utilizzando lo scanner di impronte digitali.(Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *