Google adesso vi dirà quanto è affollato un locale prima ancora di arrivarci

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Con la sua funzione “orari con il maggior numero di visite“, Google l’anno scorso introdusse una caratteristica davvero intrigante per sapere quanto è occupato un ristorante, una caffetteria, un bar oppure un museo in un dato momento della settimana.

Ma oggi, il gigante della ricerca sta facendo fare a questo concetto un ulteriore passo avanti, dando a questo strumento la possibilità di funzionare in tempo reale. Così ora saprete esattamente per quanto tempo dovrete aspettare in coda al freddo prima di poter entrare in discoteca il sabato sera, o in un museo la domenica pomeriggio.

google locale affollato informatblog

Come prima, il widget “orari con il maggior numero di visite” apparirà quando cercherete un ristorante, un bar o comunque un locale, un museo o un posto al chiuso anche su Google Maps. Utilizza i dati di localizzazione anonimi e le ricerche per determinare quanto è attualmente affollato questo luogo.

Nella nostra esperienza, la versione classica non in tempo reale è sempre stata abbastanza precisa, ma, ovviamente, non tiene conto di tutti gli eventi speciali che possono capitare, come un evento particolare o una serata a tema. Nel caso in cui Google si sbagliasse, però, non sarà possibile riavere il tempo perso, ma sarà sempre possibile inviare una correzione.

Google consente già di sapere per quanto tempo la gente indugia in un dato luogo, quindi se state cercando di capire se potete farcela a prendervi un caffè veloce prima della prossima riunione, la combinazione dei nuovi dati in tempo reale e la caratteristica esistente si spera che vi possa consentire di arrivare in ufficio in tempo.

Per quanto possiamo vedere, il nuovo servizio di affollamento in tempo reale non è sempre disponibile, ma lo sarà certamente nei prossimi giorni. Cosa ne pensate di questo innovativo servizio Google? Pensate di utilizzarlo? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto! (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *