Huawei P9 all’attacco di Apple e Samsung

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Huawei ha pubblicato il suo ultimo smartphone P9 mercoledì, in uno sforzo della società di tecnologia cinese di fare incursione nel mercato dei dispositivi di fascia alta a lungo dominato da Apple e Samsung.

Rivelando lo smartphone Huawei P9 a Londra, l’azienda ha chiarito che il prodotto è stato progettato per sfidare direttamente Apple e Samsung. Mentre il dirigente di Huawei Richard Yu parlava durante l’evento, lo schermo dietro di lui mostrava come il P9 si confrontava favorevolmente con l’iPhone 6S e con il Samsung Galaxy S7 in una serie di specifiche.

“Siamo più sottili di un iPhone 6S e di un Galaxy S7”, ha detto Yu. Il Huawei P9 ha uno schermo da 5,2 pollici, più grande dello schermo da 4,7 pollici dell’iPhone 6S. Mentre reclamizzava caratteristiche di fascia alta, tra cui un’innovativa fotocamera a doppio obiettivo sviluppata in collaborazione con il produttore di fotocamere tedesco Leica, Huawei ha confermato il prezzo del P9 ben al di sotto di quello dei suoi concorrenti più noti.

Il modello base del nuovo Huawei P9 dispone di 32 gigabyte di memoria e costa 599 euro. Per confronto in Italia, Apple vende i suoi iPhone 6s più economici con 16 gigabyte, a 779 euro, e Samsung vende la sua versione base del Galaxy S7, con 32 gigabyte, a 729 euro.

Il telefono sarà disponibile a partire dal 16 aprile in almeno 29 paesi, tra cui la Cina e diversi mercati in Europa e Medio Oriente. La società produrrà anche una versione del P9 con uno schermo più grande, chiamato P9 Plus. Tuttavia, Huawei non ha in programma di presentare il suo smartphone negli Stati Uniti.

Huawei è il terzo produttore di smartphone più grande al mondo, con un 8,1% di quota di mercato a livello mondiale nel quarto trimestre 2015, contro il 21% di Samsung e il 19% di Apple, secondo la società di ricerca IDC. L’azienda cinese sta però virando dalla sua precedente strategia di fornire telefoni a basso costo alle compagnie telefoniche, e come ha indicato la presentazione del Huawei P9 di mercoledì, sta puntando a farsi conoscere come un creatore di prodotti di alto livello.

Doppia fotocamera

Huawei e Leica, all’evento lancio del P9, hanno confermato che la loro collaborazione ha prodotto una fotocamera con doppio obiettivo che non si è mai vista su uno smartphone prima d’ora. Sul bordo superiore del dispositivo, appena a sinistra del marchio “Leica” impresso sul telefono, si trovano infatti due piccole lenti, fianco a fianco.

Richard Yu ha detto che le due lenti consentono al telefono di scattare immagini con una migliore profondità, dettagli e colori. Ha detto che può catturare il 270% di luce in più rispetto all’iPhone 6S e il 90% di luce in più rispetto al Samsung Galaxy S7.

Una strategia vincente

La strategia dichiarata di Huawei è quella di vendere il P9, il suo smartphone di punta, ad un prezzo inferiore rispetto ai suoi concorrenti per afferrare più quote di mercato. “In termini di brand awareness, siamo molto dietro ad Apple e Samsung”, ha detto Gloria Zhang, responsabile marketing di Huawei.

Gloria Zhang ha detto che la sua azienda può permettersi di farlo perché a differenza di Apple e Samsung che sono quotate in borsa, Huawei è privata e non si trova sotto pressione degli azionisti per generare profitti immediati. “Stiamo perseguendo profitti ragionevoli: non troppo alti, non troppo bassi”, ha detto.

Huawei è leader di mercato in Cina, ma si trova ad affrontare sfide difficili altrove. Ha scelto di introdurre il P9 a Londra, un mercato in cui i sussidi degli operatori di telefonia mobile sono in genere fatti di telefoni Apple e Samsung, riducendo il vantaggio del prezzo di Huawei.

L’immagine della società potrebbe essere un potenziale problema negli Stati Uniti, dove la sua attività di apparecchiature di rete è stata di fatto vietata dal 2012 in base alle preoccupazioni del governo USA secondo il quale i prodotti dell’azienda cinese sarebbero potuti essere utilizzati da Pechino per spiare gli americani. Huawei ha ripetutamente negato queste accuse. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *