La lista delle 10 migliori app del 2016 secondo il Times

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Facciamo sempre più affidamento sugli smartphone per tenerci in contatto con gli amici, guardare film e spettacoli televisivi, e lavorare. Ma i telefoni stessi non avrebbero senso senza il software che, quasi come per magia, dona loro nuovi poteri che persino i loro creatori mai si sarebbero aspettati.

In questo spirito, il Times ha pubblicato la lista delle migliori app per iPhone e Android del 2016. Sono app che sono uscite per la prima volta, hanno avuto un notevole restyling, o sono schizzate in popolarità. La lista non è una classifica, dato che le diverse funzionalità di ogni app le rende impossibili da confrontare in modo equo.

migliori 10 app 2016 informatblog

Venmo

iPhone e Android, gratis

E’ raro che una società o una app diventi un verbo, come ha fatto Google (“googlare” è diventato sinonimo di “cercare sul web”). Ma questo è esattamente ciò che sta accadendo con Venmo, soprattutto tra i giovani oltreoceano allergici al contante, che si “venmano” soldi a vicenda sempre più spesso al brunch o al bar quando è il momento di dividere il conto.

Messages

iPhone, gratis

Perché includere il servizio di messaggistica di default di Apple in questa lista? Semplice: ha avuto una profonda revisione in iOS 10. Messages è ora una piattaforma di messaggistica ricca di funzionalità, completa di app di terze parti, adesivi e divertenti effetti grafici come coriandoli e laser. Tutte le nuove funzionalità pongono questa app anni luce avanti ai normali software per invio SMS.

Signal

iPhone e Android, gratis

Quale app di messaggistica dovreste usare per assicurarvi che i vostri discorsi rimangano segreto? La risposta è Signal, una app per chat cifrate usata da politici, imprenditori e informatori di tutto il mondo. Signal offre una completa crittografia end-to-end, vale a dire che la società dietro l’applicazione non è in grado di vedere ciò che si sta inviando e ricevendo. E funziona con la rubrica esistente, a condizione che entrambe le parti abbiano installata la app.

Snapchat

iPhone e Android, gratis

Certo, Snapchat è del 2011, ma il suo successo planetario risale solo a quest’anno, in particolare con la versione “Chat 2.0” di marzo 2016. Con questo aggiornamento, l’app gratuita di video a scomparsa ha gettato le basi per tutti i tipi di caratteristiche, dai filtri alla geolocalizzazione, fino alle lenti facciali. Di conseguenza, Snapchat è diventata non solo una delle app più divertenti dell’anno, ma si sta anche trasformando in un vero e proprio business.

Pokémon Go

iPhone e Android, gratis

Le creature super potenti, mania mondiale degli anni ’90, hanno finalmente raggiunto l’era degli smartphone. Subito dopo il lancio nel mese di luglio, Pokémon Go è diventata una follia mondiale tra chiunque possedesse uno smartphone. I giocatori devono esplorare fisicamente il mondo reale per catturare nuovi Pokémon, impegnandosi in battaglie per rivendicarli e raccogliere oggetti. La app utilizza anche la fotocamera del telefono per far sembrare che le creature del gioco appaiano nell’ambiente reale. Usando abilmente la tecnologia degli smartphone e sfruttando un franchising selvaggiamente amato, Niantic ha creato un successo davvero incredibile.

WhatsApp

iPhone e Android, gratis

Nei 7 anni che WhatsApp esiste, è diventato uno degli strumenti di comunicazione più utilizzati in tutto il mondo. L’applicazione, di proprietà di Facebook, inizialmente ha guadagnato popolarità perché funziona sulla maggior parte degli smartphone e offre un’alternativa più economica agli SMS per l’invio di messaggi in tutto il mondo. Dopo aver condotto un sondaggio lo scorso aprile in 187 paesi, una società di ricerca ha scoperto che WhatsApp è l’applicazione di messaggistica scelta nel 55% del mondo. All’inizio di quest’anno, la società ha annunciato che ha superato il traguardo di un miliardo di utenti, vale a dire che una persona su 7 in tutto il mondo ora usa WhatsApp.

NPR One

iPhone e Android, gratis

A meno che non guidiate spesso, probabilmente non avete facile accesso a una radio. Il che significa che è difficile ascoltare la radio pubblica, una grande fonte di notizie, conoscenza e musica. L’app NPR One può aiutare: è fondamentalmente una stazione radio pubblica personalizzabile che impara quello che vi piace e quali argomenti vi interessano, costruendo un feed sempre più personale nel corso del tempo. .

NYT Cooking

iPhone, gratis (versione web per Android)

Vi serve sapere come cucinare una cenetta romantica per due? Cosa potete fare con tutte quelle mele appena raccolte? NYT Cooking, del New York Times, è in grado di rispondere a tutte queste domande e molto altro ancora. Offre tantissime ricette ricercabili per tipologia, tempo di preparazione e chi più ne ha più ne metta, spesso corredate da belle foto. Un grande vantaggio è che è possibile salvare le ricette da tutto il web su questa app, il che la rende punto di contatto unico per gli amanti della cucina.

Spotify

iPhone, Android (gratuita con pubblicità)

Anche con Apple, Amazon e Google, Spotify è ancora il re delle app di streaming musicale. Una grande riprogettazione quest’anno ha portato ad un’interfaccia più moderna ma allo stesso tempo semplicissima da usare, e davvero di bell’aspetto. Una funzioni preferite dagli utenti è la playlist in base all’umore, ottima quando avete bisogno di ascoltare qualcosa di malinconico per un giorno di pioggia o di qualcosa di forte per un allenamento al mattino.

A Good Snowman Is Hard to Build

iPhone e Android, 4,99 $

Un gioco di puzzle che si incentra sulla creazione di pupazzi di neve, per farli diventare creature nere rotonde circondate da piccoli giardini bianchi. I giocatori dovranno creare il pupazzo di neve in vari modi, accatastandoli a gruppi di tre, dal più grande al più piccolo. Solo ogni giardino ha dei vincoli, da fontane ornamentali e nicchie a filari di piante in vaso. Con una grafica splendida, A Good Snowman Is Hard to Build è uno dei puzzle game più dolci e più intelligenti del 2016. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *