Microsoft acquisisce la terza società di sicurezza israeliana

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Microsoft ha aggiunto una nuova società di sicurezza dei dati proveniente da Israele al suo portafoglio di aziende acquisite, in quanto la società americana sta continuando a concentrarsi con enfasi sotto il CEO Satya Nadella verso un business enterprise puntando forte sul cloud.

Con l’acquisto di Secure Islands per una somma non comunicata e che è ancora soggetta ad approvazione normativa, la società con sede a Redmond ha ora tre nuove imprese sotto il suo tetto dedicate a mantenere gli hacker lontani dai dati memorizzati su Azure cloud di Microsoft, che è secondo solo ad Amazon Web Services come fornitore leader di spazio di archiviazione per le azienede a livello mondiale.

All’inizio di questo autunno Microsoft ha acquistato Adallom, che controlla le applicazioni software-as-a-service, mentre nel 2014 fu la volta di Aorato, che è stata rinominata Advanced Threat Analytics e aiuta i clienti a rilevare violazioni della sicurezza.

In un post sul blog dell’azienda lunedi a confermare l’ultima acquisizione, il Vice Presidene Corporate di Microsoft Takeshi Numoto ha scritto che Secure Islands “accelera la nostra capacità di aiutare i clienti a proteggere i loro dati aziendali indipendentemente da dove vengono memorizzati, attraverso sistemi on-premise, servizi cloud Microsoft come Azure e Office 365, servizi di terze parti, e qualsiasi sistema operativo che sia Windows, iOS o Android”.

Numoto ha aggiunto anche che la società prevede di combinare Secure Islands con il suo attuale Azure Rights Management Service, che aiuta a garantire che i partner Microsoft riescano a soddisfare i più recenti standard di protezione dei dati basati su cloud. “Secure Islands è stato a lungo uno stretto partner Microsoft ed ha costruito le proprie soluzioni utilizzando la nostra tecnologia di gestione dei diritti”, ha scritto. “Secure Islands continuerà a vendere le sue soluzioni esistenti e a supportare i propri clienti nonostante l’acquisizione da parte di Microsoft”. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *