Microsoft annuncia SQL Server su Linux

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Sembra che la guerra tra Microsoft e Linux abbia finalmente raggiunto una tregua. Lunedi infatti Microsoft ha annunciato i suoi piani per portare SQL Server su Linux. La notizia è stata diffusa sul blog dell’azienda da Scott Guthrie, vice presidente esecutivo del gruppo cloud ed enterprise della società, assieme ad alcuni aggiornamenti sulle nuove funzionalità di SQL Server 2016.

Il porting di SQL Server su Linux potrebbe sembrare una sorpresa per alcuni, e con buona ragione dato che l’ex CEO di Microsoft Steve Ballmer una volta definì Linux “un cancro“. Ma i segni stanno indicando da qualche tempo una integrazione più profonda tra la società e i leader open source, soprattutto da quando Satya Nadella è stato nominato CEO nel mese di febbraio del 2014.

microsoft-sql-server-linux-informatblog

La chiave di volta di questa nuova strategia è arrivata nel mese di aprile 2015, quando Nadella dichiarò che “Microsoft ama Linux” nel corso di un webcast. Così Microsoft sta ora abbracciando attivamente l’open source, ma cosa cercano di preciso? Prima di tutto, il flusso di entrate di Microsoft si sta spostando. Come ha sottolineato ZDNet, la nuova macchina da soldi di Microsoft è Azure, la sua piattaforma di cloud, e verso la fine del 2015 Linux era su circa il 25% di tutte le istanze di Azure, e il numero sembra essere in crescita.

Se il gigante americano vuole spingere la gente verso Azure, deve consentire agli utenti di scegliere quello che vogliono eseguire. E se molti utenti eseguono Linux, ha senso dare loro la possibilità di eseguire anche SQL Server. Al Gillen, vice presidente del gruppo di infrastrutture enterprise di IDC, ha riassunto il post sul blog di Microsoft in questo modo:

“Portando questo prodotto chiave su Linux, Microsoft sta dimostrando il suo impegno ad essere un fornitore di soluzioni cross-platform. Questo dà scelta ai clienti e riduce le preoccupazioni per il lock-in. Ci aspettiamo che questo accelererà anche l’adozione globale di SQL Server”.

L’apertura delle loro tecnologie permette anche di guidare gli utenti attuali più in profondità verso il prodotto: Mark Russinovich di Microsoft ha detto che l’apertura di .NET ha fatto sì che “la gente iniziasse ad usare altre soluzioni Microsoft”. Inoltre, abbracciare l’open source e rendere un prodotto di base come SQL Server disponibile su Linux aiuta anche ad aggiungere il tipo di trasparenza e flessibilità che Microsoft ha bisogno per rimanere competitiva.

Portare SQL Server su Linux è un altro modo per rendere i nostri prodotti e le nostre innovazioni più accessibili ad un maggior numero di utenti possibile”, ha detto Guthrie nel post sul blog. L’anteprima privata di SQL Server su Linux è già disponibile, e la disponibilità generale arriverà verso la metà del 2017.

Le 3 grandi sfide di Microsoft

  • L’azienda rilascerà SQL Server su Linux a metà 2017, anche se è disponibile in anteprima fin da oggi. Quindi, le aziende che utilizzano Linux saranno presto in grado di eseguire SQL Server standard invece di alternative come MySQL o MariaDB.
  • L’azienda continua ad abbracciare Linux poichè è importante per i suoi prodotti cloud. Circa il 25% di tutte le istanze su Azure sono Linux, e questo numero potrebbe salire.
  • Dato che l’azienda sta spostando completamente il suo modello di business, potrebbe probabilmente dare più aggiornamenti cross-platform. Microsoft ha bisogno di trasparenza e flessibilità per andare verso l’open source e sta perseguendo proprio questo.

(Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *