Microsoft entra a far parte della Linux Foundation

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Ecco una sorpresa davvero inaspettata: Microsoft ha annunciato oggi si unirà alla Linux Foundation come membro Platinum, a fianco di Cisco, Fujitsu, Huawei, HP, IBM, Intel e molte altre aziende leader del settore.

“Potrebbe essere una sorpresa per voi, non erano nostri grandi fan”, ha detto il direttore esecutivo Jim Zemlin della Linux Foundation. La nuova Microsoft sotto la guida del CEO Satya Nadella, tuttavia, sta cantando una melodia molto diversa.

microsoft linux informatblog

Oggi Microsoft è uno dei maggiori contributori open source del settore. Nel corso degli ultimi anni, ha essenzialmente costruito la distribuzione Ubuntu di Canonical in Windows 10, portato SQL Server a Linux, ha reso open source parti della sua piattaforma .NET e ha collaborato con Red Hat, SUSE e altri. Come ha osservato Zemlin, Microsoft ha anche contribuito ad una serie di progetti gestiti da Linux Foundation come Node.js, OpenDaylight, la Open Contanier Initiative, lo R Consortium e l’iniziativa Open API.

Nonostante tutto questo, l’annuncio continua ad essere una sorpresa per molti, dato che Microsoft e la comunità Linux spesso sembrava che fossero in guerra tra loro in passato. Zemlin ha riconosciuto tutto ciò. “Ci sarà un certo scetticismo, ma proverrà soltanto da un piccolo gruppo”, ha detto. “C’è un sentimento anti-establishment nel mondo open source, è una cosa naturale”. Ha aggiunto che ogni volta che una grande azienda sceglie la strada dell’open source, questo è quello che succede. Ma ha anche sottolineato che Microsoft “ci sta lavorando da un tempo molto lungo”.

Altri membri della Linux Foundation Platinum, che pagano circa 500.000 dollari per questo privilegio, includono Cisco, Fujitsu, HPE, Huawei, IBM, Intel, NEC, Oracle, Qualcomm e Samsung. Google, Facebook e più di una dozzina di altri utenti open source importanti sono invece sponsor Gold.

John Gossman, ingegnere del team Azure, si unirà al consiglio di amministrazione della Linux Foundation. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *