Si chiude un’era: Microsoft ferma la produzione di Xbox 360

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Un decennio più tardi, Microsoft alla fine ha cessato la produzione della sua fortunata console Xbox 360. La società ha annunciato oggi la notizia in un post sul blog scritto dal capo di Xbox Phil Spencer in persona. “Xbox 360 significa molto per tutti in Microsoft”, ha spiegato Spencer.

“E anche se abbiamo fatto un percorso incredibile, le realtà di produrre un dispositivo vecchio di dieci anni sta iniziando a diventare pesante per noi. Ed è per questo che abbiamo preso la decisione di interrompere la produzione di nuove console Xbox 360. Continueremo a vendere l’inventario delle console Xbox 360 esistenti, con la disponibilità dipendente in base al paese”.

microsoft xbox 360 informatblog

La console Xbox 360 è uscita per la prima volta alla fine del 2005, ed è stata un enorme successo, vendendo più di 80 milioni di unità, superando di gran lunga l’originale Xbox e cementando il nome di Microsoft nello spazio delle console per videogiochi. Il suo successore, l’Xbox One, è stato lanciato nel 2013, e Microsoft come riferito sta progettando di rilasciarne una versione aggiornata entro poco tempo.

L’azienda sottolinea inoltre che continuerà a sostenere gli ​​Xbox 360 esistenti, sia in termini di hardware che di software. Il server di Xbox Live per 360 rimarrà attivo, per esempio, in modo che sia ancora possibile giocare online.

La decisione era nell’aria già da qualche tempo, sin da quando Microsoft ha introdotto la funzionalità di retrocompatibilità, che permette di giocare ad alcuni giochi per Xbox 360 su Xbox One, alla fine dell’anno scorso. Ancora una volta, un decennio è un ciclo di vita onorevole, e più lungo di quello di molte altre console. Nintendo, per esempio, dovrebbe arrestare la produzione della travagliata Wii U entro la fine dell’anno, solo quattro anni dopo il lancio. Cosa ne pensate della decisione di Microsoft di terminare la produzione di Xbox 360? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto! (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *