Microsoft risolve il problema peggiore degli aggiornamenti Windows 10

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Quando Microsoft annunciò per la prima volta che Windows 10 sarebbe stato un aggiornamento gratuito, il mondo impazzì. Era naturalmente una grande notizia per i proprietari di Windows 7 e 8 che erano in attesa dell’aggiornamento. Il grosso problema però era che serviva un aggiornamento sul posto, sopra la parte superiore del vostro sistema operativo esistente.

Perché è un male? Beh, gli esperti di PC non hanno mai voluto aggiornamenti di questo tipo. E’ una forma scarsa nel complesso, e la convenienza di mantenere impostazioni e applicazioni inalterate è superata dal fatto che qualcosa probabilmente andrà male. E’ stata per lungo tempo una maledizione per Windows che aveva bisogno di un aggiornamento ogni tanto.

windows-10-aggiornamenti-informatblog

Ciò significa che è meglio pulire completamente l’unità di sistema e ricominciare da zero? Le ricompense in questo caso sono enormi: la stabilità viene ripristinata, i bug dei driver possono essere risolti e il PC tornerà ad essere veloce come appena acquistato.

La decisione di Microsoft di non consentire agli utenti di ripulire completamente le loro macchine e iniziare di nuovo da zero è stata, quindi, irritante. Il processo ha fatto sì che la prima volta bastava semplicemente attivare l’account Microsoft su di un’installazione di Windows 10. Fatto ciò potreste essere in grado di ripulire il computer e fare una nuova installazione. Anche se il processo comunque chiederebbe una chiave Windows 10, si può semplicemente ignorare questo passaggio. Quando si avvia Windows per la prima volta sarebbe un’auto-attivazione e tutto andrà bene.

Tuttavia, per coloro che sono stati fatti fuori da questo processo, e molti lo erano, Microsoft consentirà ora di utilizzare una chiave di Windows 7, 8 o 8.1 per attivare Windows 10. Questo è valido per l’ultima build di Windows 10, avente nome in codice Treshold 2 o versione 10565. La chiave può essere inserita quando si imposta inizialmente il dispositivo, o una volta caricato Windows dalla schermata di attivazione. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *