Nintendo Switch: al via con Mario e Splatoon, ma non con Zelda

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Da quando Nintendo ha annunciato la sua nuova console Switch, le domande sui giochi disponibili al lancio sono state sempre più frequenti, soprattutto dopo che è stato scoperto che tutti i filmati visualizzati nel trailer di lancio sono stati inseriti in post-produzione.

Ma una nuova serie di voci sulla console suggerisce che all’uscita avrà un nuovo Super Mario Bros, forse un nuovo Splatoon (non è ancora chiaro se sarà un gioco nuovo di zecca, una conversione della versione Wii U, o qualcosa tra le due), e forse Skyrim, anche se Bethesda non sta ancora dicendo niente di ufficiale.

In precedenza alcune informazioni trapelate suggerivano che Nintendo avrebbe rilasciato anche The Legend of Zelda: Breath of the Wild per il primo giorno di vendite dello Switch, ma i rapporti seguenti hanno confermato che il gioco ha bisogno di un maggior lavoro di localizzazione e bug-fixing, e che non potrà uscire fino all’estate.

nintendo switch zelda informatblog

Nintendo non ha alcuna esperienza con questo tipo di giochi open-world, quindi non ci sorprende sapere che l’azienda ha bisogno di un po’ di tempo in più per finirlo.

Geek.com riporta che al momento del lancio della Nintendo Switch sarà disponibile un nuovo gioco di Mario con un mondo in 3D aperto, con multiplayer cooperativo e la possibilità di mantenere i giocatori nella stessa area del mondo.

ArcadeGirl64 riferisce inoltre che Nintendo sta progettando di portare Mario Kart 8 su Switch: la nuova versione del gioco conterrà tutti i contenuti originali per Wii U e i DLC, ma aggiungerà nuove piste, nuovi personaggi giocabili, e una nuova modalità battaglia.

E’ ragionevole pensare che Splatoon potrebbe essere un mezzo passo simile, tra un gioco nuovo di zecca e una conversione diretta.

Nintendo Switch: Prestazioni

Cerchiamo di capire quali prestazioni potremmo aspettarci dal Nintendo Switch in confronto al Wii U. Ci sono vantaggi e svantaggi da considerare, in un divertente puzzle per cercare di capire dove la piattaforma potrà porsi sul mercato.

La CPU all’interno del Wii U era un’arcaica PowerPC 750CL con supporto molto limitato per SIMD (Single Instruction Multiple Data), aveva una velocità di clock relativamente bassa (1,2 GHz) e una strana disposizione a tre core con cache L2 asimmetrica (un core aveva 2MB, gli altri due 512KB). Il Nintendo Switch dovrebbe avere 4-8 core della CPU in una configurazione big.Little, con la CPU molto probabilmente basata su ARM Cortex-A57 o A-72.

Anche Project Denver di Nvidia è una possibilità, ma non ne sappiamo abbastanza su come quel chip potrebbe essersi evoluto per stimarne le prestazioni. La CPU del Nintendo Switch dovrebbe essere di gran lunga più potente di quella del Wii U, anche tenendo conto di una piattaforma mobile molto più piccola. Anche assumendo una frequenza di clock di 2GHz, lo Switch avrebbe un vantaggio di 1.67x sul Wii U, almeno il 33% in più di core di CPU, una migliore attuazione di SIMD, e un moderno set di istruzioni a 64-bit rispetto ai vecchi chip PowerPC.

Il divario tra la GPU del Wii U e quella dello Switch basata su Pascal non è grande, ma dovrebbe comunque essere sostanziale. Nintendo è stata cauta su cosa, esattamente, la GPU del Wii U poteva fare. Ma la migliore analisi disponibile suggerisce che il chip era stato basato sulla vecchia architettura AMD HD 4000, che ha debuttato nel 2008. Sempre meglio della 750CL (del 1999), ma Pascal sarà ancora molto più efficiente e supporta la GPU in modi non contemplati dai progettisti hardware di otto anni fa. Ancora una volta, se questa fosse una console da salotto tradizionale, staremmo predicendo grandi miglioramenti visivi e prestazioni.

Tutto sommato, il Nintendo Switch sarà in grado di offrire un modesto miglioramento rispetto al Wii U, ma sarà ancora in ritardo all’originale Xbox One e PS4. Il fatto che stiamo vedendo Skyrim come potenziale titolo di lancio, anche se Bethesda non l’ha confermato, sosterrebbe questo. Skyrim è un grande gioco, ma è stato costruito per i vecchi hardware. Sul lato positivo, il porting di Skyrim per Switch vorrebbe dire tutti quei paragoni tra console mobile e grafica finalmente inizierebbero a essere precisi.

Quindi, ecco l’ipotesi migliore: Nintendo si concentrerà su una scaletta relativamente conservatrice di titoli al lancio, con un paio di giochi nuovi e alcune conversioni Wii U che metteranno in risalto i miglioramenti della nuova piattaforma con contenuti e funzionalità aggiuntive.(Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *