Qualcomm contribuirà a rendere gli smartwatch Android Wear più sottili

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Qualcomm ha annunciato ieri una linea di nuovi processori e chip, tra cui una piattaforma dedicata esclusivamente ai dispositivi indossabili. Attualmente, la maggior parte degli smartwatch Android Wear sono alimentati dal processore Snapdragon 400, originariamente progettato per smartphone e tablet.

Qualcomm vuole sostituirlo con il neo-annunciato Snapdragon Wear 2100. Il Wear 2100 è del 30% più piccolo rispetto al 400 e utilizza il 25% di energia in meno (permettendo la costruzione di smartwatch più sottili con durata della batteria più lunga). Esso include anche un nuovo modem LTE (così come Wi-Fi e Bluetooth a bassa potenza) per una connettività più veloce. In sostanza, il nuovo processore Qualcomm renderà gli smartwatch migliori.

qualcomm-processore-smartwatch-informatblog

Oltre allo Snapdragon Wear 2100, Qualcomm ha anche annunciato il primo modem LTE gigabit commerciale per i dispositivi mobili: lo X16. Ovviamente, ottenere una connessione dell’ordine dei gigabit è impossibile da noi data la velocità delle reti degli operatori di telefonia mobile, ma l’X16 è (un po’ ottimisticamente) una preparazione per un futuro più veloce.

Qualcomm si vanta che con 1 Gbps si potrebbero mandare in diretta streaming i contenuti di realtà virtuale e scaricare un film HD per un volo prima che l’aereo lasci la pista. Ma sebbene ci sia molta tecnologia intelligente inserita all’interno dell’X16 (compresa la possibilità di combinare fino a quattro connessioni LTE separate), questa è roba del futuro, piuttosto che un qualcosa che è pronto per oggi.

Per questo, occorre esaminare i nuovi processori Qualcomm Snapdragon 625, 435, e 425, anch’essi annunciati ieri. Si tratta di un mix di sistemi di fascia media e di fascia bassa che ci si potrebbe aspettare che compaiano all’interno dei dispositivi nella seconda metà di quest’anno. Tutti usano la CPU Cortex-A53 (octa-core nel 625 e 435; quad-core nel 425) di ARM, che è in giro da anni, e hanno più livelli di funzionalità di connessione e di imaging (ad esempio, il 625 e il 435 supportano foto fino a 24 megapixel, il 425 arriva al massimo a 16 megapixel). Questi non sono chip entusiasmanti, ma serviranno ad alimentare il boom dei dispositivi mobili in atto nei paesi in via di sviluppo. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *