Huawei Matebook, un buon sostituto per un computer portatile, ma deve affinarsi

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

La recente tendenza negli smartphone di diventare sempre più grandi è l’unica eccezione nel mondo della tecnologia di consumo, sempre impegnata a rendere le cose più piccole, più sottili, più portabili. Negli ultimi anni, aziende come Microsoft, Samsung, e Apple, stanno spingendo verso i cosiddetti 2-in-1, essenzialmente un tablet che può anche funzionare come un computer portatile. Huawei, il gigante elettronico cinese, non ha certo intenzione di essere lasciato fuori dai giochi.

E così è arrivato il Huawei Matebook, uscito lo scorso giugno, un dispositivo estremamente ben costruito e molto elegante che sostituisce bene un computer portatile. Tutto ciò è possibile perché Huawei ha fatto un ottimo lavoro con la tastiera, altrettanto buona come una tradizionale.

Il trackpad è grande e facile da usare, abbastanza strano considerando quanto è portatile la tastiera del Matebook, ed è parte di una copertura in similpelle che avvolge il dispositivo e gli dà una sensazione di qualità.

Il Huawei Matebook di cui parliamo è il modello base, con il processore Skylake Core M di Intel con 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna. Non è “potente” rispetto ai computer portatili moderni, è solido ed è più che sufficiente per quello che serve alla maggior parte delle persone. Ci sono un po’ di balbuzie qua e là, soprattutto quando si torna ad usare il dispositivo dopo diverse ore o quando si aprono diverse pagine web durante la riproduzione di video, ma niente di che. I modelli di fascia alta raddoppiano la memoria RAM e hanno un processore più potente, quindi questi ritardi minori scompaiono.

huawei matebook informatblog

Quindi come computer portatile il Huawei Matebook fa tutto ciò che ci si aspetta. Come tablet, tuttavia, non tanto.

Il problema principale del Matebook non è tanto un errore di Huawei, ma di Microsoft in quanto Windows 10 è un software per i computer portatili. Certo, c’è una modalità “tablet” sul Matebook che fa comportare il dispositivo appunto come un tablet (il menu di avvio scompare e le icone diventano più grandi, per esempio), ma sembra essere solo un minore ritocco estetico: le viscere della macchina si comportano ancora come un computer portatile.

Ad esempio, quando si è in Chrome e si vuole tornare alla pagina precedente non si può semplicemente scorrere dal bordo della pagina a destra per “tornare indietro di una pagina”, come si farebbe su un iPad o su alcuni telefoni. Non si può nemmeno toccare il pulsante Indietro nell’angolo in basso a sinistra del tablet. È necessario toccare la “freccia indietro” nell’angolo in alto a sinistra del browser Chrome. Questo va bene quando si usa un computer utilizzando un mouse o un trackpad; quando si tiene in mano il tablet sul divano, è una seccatura.

Inoltre, se si tenta di aprire un link in una nuova scheda, il menu che si apre in Chrome è molto piccolo, perché è stato progettato per essere cliccato su con una freccia del mouse, non con un dito.

E per quanto si possa amare la tastiera del Huawei Matebook, la sua tastiera virtuale è abbastanza difficile da usare. Per prima cosa, la barra spaziatrice su di essa è troppo piccola. Altre aree hanno problemi, come la tastiera virtuale che torna al suo posto (prendendo metà dello schermo) dopo aver immesso un indirizzo web in Chrome e premuto Invio. Sull’iPad, una volta premuto Invio, la tastiera scompare e si torna alla navigazione web. Sul Matebook, ci vuole un altro secondo per chiudere la tastiera virtuale.

Questi non sono problemi maggiori, ma solo piccole imperfezioni qua e là che il software futuro migliorerà.

Passando al display: lo schermo 12 pollici quad HD del Matebook è bello da vedere, e produce immagini chiaramente più vivaci rispetto al Macbook Air 2012, e anche un po’ migliori rispetto all’iPad Pro.

Il dispositivo è dotato di una sola porta, una USB-C, che va bene se si considera un tablet, ma è poco se si guarda dal punto di vista di un computer portatile. Huawei ha progettato un dongle che fornisce una porta USB-C supplementare, due porte USB normali, e anche porte di uscita HDMI e VGA. Funziona bene, ma è un dispositivo supplementare da portarsi dietro se si utilizza questo dispositivo come un computer portatile e servono più porte. Il che non è una brutta cosa, davvero (un dispositivo portatile come questo deve avere qualche sacrificio), ma è una cosa da considerare per chi deve scegliere tra un computer portatile o un dispositivo 2-in-1. Per quello che vale, il dongle è dotato di una propria custodia in pelle e ha un aspetto molto elegante.

Un altro extra che si potrebbe desiderare di acquistare è il MatePen, uno stilo con un puntatore laser incorporato. Tuttavia, facendo un confronto, non è all’altezza dell’Apple Pencil per disegnare. Ma è il secondo miglior stilo sul mercato, misura 2048 punti di pressione ed è più facile da tenere rispetto al Surface Pen.

la durata della batteria del Huawei Matebook è stata oggetto di molte discussioni. Alcune recensioni hanno mostrato delusione, mentre altre estasi. La verità, come sempre, sta nel mezzo: il Matebook fornisce circa cinque ore di utilizzo come un computer portatile completo. Huawei è riuscita a inserire una batteria da 4430mAh all’interno di un dispositivo di 279×6.9×194 millimetri, un testamento alla sua maestria artigianale.

Una cosa da notare: il Matebook non ha fotocamera posteriore, solo una frontale. Non è una omissione fondamentale (davvero, scattare foto con un tablet è così ridicolo), ma è qualcosa che alcuni utenti potrebbero voler prendere in considerazione.

In definitiva, il Huawei Matebook è un dispositivo da raccomandare per chi non vuole portarsi dietro due dispositivi in viaggio. Il dispositivo è più piccolo e più portatile del già piccolo Macbook Air, e il fatto che diventi un tablet funzionale è un plus (anche se in questa modalità potrebbe essere meglio). È meglio di un iPad Pro o di un Microsoft Surface? Non è una risposta facile da dare: l’iPad è un tablet superiore, ma non è multi-task come il Huawei Matebook (e la tastiera dell’iPad è ben peggiore). Il Surface è un dispositivo più potente, ma non così elegante e raffinato. Forse, allora, il Matebook è per qualcuno nel mezzo. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *