Samsung Galaxy S7 contro Galaxy S7 Edge: Qual è la differenza?

Ti interessa questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!

Finalmente gli smartphone di punta di Samsung per il 2016 sono qui: il Galaxy S7 e il Galaxy S7 Edge. La buona notizia è che forniscono una combinazione potenzialmente vincente tra bellezza e potenza. La cattiva notizia è che bisogna guardare un po’ più da vicino per vederla. Quindi cerchiamo di immergerci fin da subito iniziando dalle differenze.

Design e dimensione: due scelte distinte

L’arrivo dei Samsung Galaxy S7 e Samsung Galaxy S7 Edge vede Samsung semplificare la sua linea di smartphone. Samsung precedentemente ha offerto modelli standard, Edge da 5.1 pollici ed Edge da 5,7 pollici, mentre adesso ci sono solo due versioni tra cui scegliere:

  • Samsung Galaxy S7 da 5.1 pollici – 142,4 x 69,6 x 7,9 millimetri, 152g
  • Samsung Galaxy S7 Edge da 5.5 pollici – 150,9 x 72,6 x 7,7 millimetri, 157g

E’ interessante notare che entrambi i telefoni sono più spessi di 1mm e più pesanti rispetto ai loro predecessori, ma sono anche più stretti e più corti con spalle più arrotondate che li dovrebbero rendere più facili da tenere e utilizzare con una sola mano. Dato che Samsung ha inserito pannelli posteriori in vetro e una finitura liscia in alluminio ai lati di entrambi i telefoni, ciò è molto gradito.

samsung-galaxy-s7-contro-s7-edge-informatblog

Il Galaxy S7 e S7 Edge usciranno nei colori nero e oro platino, mentre quest’ultimo ha anche la variante argento titanio.

Display

Il Samsung Galaxy S7 ha uno schermo piatto 5.1 pollici, con risoluzione 2560 x 1440 pixel Super AMOLED, mentre il Samsung Galaxy S7 Edge ha uno schermo curvo da 5,5 pollici con risoluzione 2560 x 1440 pixel Super AMOLED. Si, il nuovo S7 Edge ha uno schermo più grande dell’S7 standard nonché lo schermo curvo, ma porta con sè anche più potenza software.

Come per i precedenti modelli Edge, un colpo sul lato dello schermo dell’S7 Edge porta a widget e a collegamenti delle app, ma ora supporta integrazione con app e widget di terze parti e widget a doppia larghezza per ulteriori informazioni; si spera che questo lo possa rendere meno espediente e più sostanza. Samsung porterà questo software aggiornato a tutti i modelli della linea Edge, ma non a quelli standard (S7 o S6 che siano).

Sul lato positivo, i display di entrambi i Galaxy S7 hanno una maggiore luminosità, precisione del colore ed efficienza energetica rispetto ai modelli dello scorso anno più il supporto per la tecnologia ‘display always on‘. Questo significa che le informazioni di base come l’ora e le notifiche (personalizzabili) possono sempre essere viste in bianco e nero su entrambi i display, che non si spengono mai. Il prezzo da pagare sulla batteria è un 1% all’ora (ma la funzione può essere disattivata), ma per coloro che controllano regolarmente i loro telefoni potrebbe essere un’ottima cosa.

Durata della batteria

Determinati a espiare i difetti dello scorso anno, i Samsung Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge hanno batterie da 3000mAh e 3600mAh, davvero in crescita rispetto al Galaxy S6 (2550mAh) e Galaxy S6 Edge (2600mAh). Se la capacità supplementare del Galaxy S7 Edge supererà quella del Galaxy S7 dato il suo schermo più grande resta ancora da vedere.

Samsung rimane evasiva sui numeri dettagliati di utilizzo per i nuovi telefoni a questo punto, ma ha detto che gli utenti potrebbero guardare un’intera stagione di Game of Thrones prima di dover ricaricare. Questo è promettente, ma sarà mica un risultato raggiunto con schermo a bassa luminosità e modalità aereo? Solo il tempo ce lo dirà, anche se Samsung ha il vantaggio della funzionalità di risparmio batteria di Android Marshmallow e ha promesso una significativa ottimizzazione della batteria per gli utenti quando giocano.

Inoltre, rimane il supporto per entrambi gli standard di ricarica wireless Qi e PMA al fianco del supporto per la ricarica a parete. E’ interessante notare che Samsung è rimasta con una porta microUSB, piuttosto che passare alla più recente USB-C. Questo piacerà a molti per la sua ubiquità, anche se ritarderà il passaggio al tipo C fratturando il paesaggio degli smartphone, in quanto altri smartphone di fascia alta (Nexus 5X, Nexus 6P, OnePlus Two, LG G5) hanno già anno fatto il passaggio, e molti altri ne seguiranno.

Prezzo

Il Galaxy S6 e Galaxy S6 Edge riuscirono a scioccare gli utenti con i loro aumenti dei prezzi (749 euro e 849 euro rispettivamente per i modelli da 32GB), ma Samsung ha leggermente ristabilito l’equilibrio quest’anno. Il Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge da 32GB costeranno 699 euro e 799 euro, rispettivamente, un risparmio di 50 euro.

Samsung non ha ancora rivelato il prezzo in altre zone del mondo e nemmeno la gamma completa di opzioni di spazio di archiviazione interna per ciascuno dovrebbero essere disponibili opzioni da 32GB, 64GB e – potenzialmente dopo un po’ di tempo – 128GB.

Cosa rimane invariato

Anche se il Galaxy S7 e Galaxy S7 Edge hanno ora molti più elementi di differenziazione rispetto allo scorso anno, ci sono una serie di dettagli chiave in cui sono identici, a cominciare dalle fotocamere. Con il lancio del Galaxy S6 e S6 Edge, Samsung è riuscita a scavalcare la tecnologia della telecamera di Apple sia nella qualità che nella coerenza per la prima volta. E ora Samsung sta cercando di andare più avanti facendo un passo indietro.

Sia il Samsung Galaxy S7 e che il Galaxy S7 Edge hanno abbassato il sensore da 16 megapixel a 12 megapixel, ma con prestazioni notevolmente migliori in condizioni di scarsa luminosità. La chiave di questo è un’apertura ancora più veloce: F1.7 rispetto a F1.9 dei Galaxy S6 e F2.2 dell’iPhone 6S, e pixel più grandi di 1,4 micron che permettono alla fotocamera di scattare con più luce più velocemente.

Ma il vero punto di forza è il rilevamento della fase autofocus al 100%. Samsung chiama questa modalità ‘Dual Pixel‘ e significa che ogni pixel viene utilizzato per il rilevamento della messa a fuoco in contrasto con appena il 5% di pixel su iPhone 6S e con lo 0,78% sul Galaxy S6. Ciò dovrebbe portare a una messa a fuoco quasi istantanea concentrandosi anche su soggetti in movimento e in condizioni di scarsa luminosità. (Fonte)

Loading...

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *