Dati finanziariSmartphone cinesi

3 dei primi 5 produttori di smartphone sono cinesi

Era più che una cattiva notizia per Samsung nel terzo trimestre del 2014, in quanto il produttore di smartphone coreano ha visto la sua quota di mercato globale ridursi di quasi l’8 per cento rispetto all’anno precedente, la maggior parte della quale è andata a rivali cinesi.

Secondo gli ultimi dati di Gartner, Samsung rimane il re degli smartphone nel mondo, ma la sua quota di mercato è stata del 24,4% nel terzo trimestre, in calo rispetto al 32,1% del 2013. Inoltre, ha venduto il 9% meno unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Apple, Huawei, e Xiaomi, intanto, sono riuscite ad aumentare le vendite e a far crescere le loro quote di mercato nel trimestre.

classifica-vendite-smartphone

Apple si è affermata nel 12,7% del mercato e ha venduto circa il doppio di iPhone rispetto all’intera linea di smartphone di Samsung.

Ma la vera rivelazione è stato l’aumento incredibile di Xiaomi, che è passato da un misero 1,5% di quota di mercato di un anno fa al 5,2% nel trimestre di quest’anno. L’aspirante Apple cinese ha più che quadruplicato le sue vendite a 15,8 milioni, quasi pareggiando il gigante delle telecomunicazioni cinesi Huawei.

I numeri di Gartner mettono Xiaomi al quarto posto nel business degli smartphone, mentre altre fonti l’hanno già classificata in terza posizione.

A completare la lista di Gartner dei primi cinque produttori di smartphone c’è Lenovo, anche se questa azienda ha visto una diminuzione di vendite e quota di mercato rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso.

Significativamente, però, l’ingresso di Xiaomi nella lista significa che tre dei primi cinque produttori di smartphone sono ormai aziende cinesi. Questa è una notizia particolarmente cattiva per Samsung. La Cina è il più grande mercato della telefonia del globo, ma il terzo trimestre ha visto le sue vendite nella regione cadere del 28,6%. Le sue vendite in Asia e in Europa occidentale sono state anche più deboli rispetto ai trimestri precedenti.

Gli investitori stanno brontolando sulle vendite di smartphone ammorbidite di Samsung da un po’ di tempo a questa parte. Molti analisti hanno predetto un cambio ai vertici dell’azienda in difficoltà a seguito dei recenti risultati deludenti, ma non sembra probabile che accada presto.

Xiaomi, nel frattempo, sembra essere impegnata in una guerra a tutto campo per la quota di mercato, con una politica di prezzi aggressiva e margini sottili, ma è stato un particolare successo nel suo paese d’origine.

C’è ancora speranza per Samsung, però. Il mercato cinese è cruciale, ma Gartner ha rilevato che il mercato in più rapida crescita è in realtà il Medio Oriente e l’Africa, dove le vendite di smartphone sono cresciute di quasi il 50% rispetto all’anno precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti