Android

Android 5.0, le caratteristiche che spazzeranno via gli altri sistemi operativi

Google ha recentemente svelato la prossima versione del sistema operativo Android; si chiama Android 5.0 o Android L (dove L dovrebbe stare per Lollipop ma è solo una voce). Questo nuovo software è passato attraverso una vasta riprogettazione con un nuovo obiettivo: lavorare su mobile, desktop e altre piattaforme. Android L è principalmente una revisione visiva confrontato con Android 4.4 KitKat.

Design

La prima cosa che noterete è che la schermata di blocco comprende la schermata delle notifiche, non avrete bisogno di sbloccare il dispositivo per visualizzarle. Per sbloccare il telefono è possibile scorrere verso l’alto dalla parte inferiore dello schermo, piuttosto che tirare un anello. Questo porta un piacevole effetto di parallasse mentre le notifiche scorrono in su; è anche possibile scorrere verso sinistra per accedere al dialer e verso destra per accedere alla telecamera.

Quando si apre il telefono si noteranno i nuovi pulsanti di navigazione in basso. Ci sono anche alcune nuove icone ed è anche possibile scorrere le notifiche per sbarazzarsi di esse, mentre è possibile farci clic per aprirle. Scorrendo in basso sullo schermo scoprirete le impostazioni rapide: allo stesso tempo, le notifiche scenderanno verso un piccolo gruppo di schede in basso.

Applicazioni

Per quanto riguarda le app troverete le applicazioni di base di Google. Ci sono tuttavia alcuni pochi cambiamenti come il nuovo menu delle impostazioni. E’stato completamente ridisegnato e riorganizzato, inizia con una nuova icona e una volta fatto clic si vedrà il nuovo look. L’effetto di scorrimento è diverso, lo sono anche le animazioni che vedete mentre raggiungete la fine della lista. Il look delle caselle di controllo è stato rivisto ed animato.

Ci sono anche altre nuove impostazioni da esplorare nelle impostazioni di visualizzazione. Avrete la possibilità di gestire la luminosità adattiva che funziona con l’auto-luminosità. C’è anche la possibilità di permettere allo schermo il mirroring per la visualizzazione su un televisore tramite Chromecast.

Anche le impostazioni di archiviazione hanno un nuovo look. Lo storico della batteria è nuovo e c’è anche una casella di ricerca che aiuta a trovare una qualsiasi voce di menu nelle impostazioni. La calcolatrice è anch’essa nuova e ha una colorazione adattiva con opzioni avanzate: la barra di stato nella parte superiore cambia colore e si adatta al colore all’interno dell’applicazione con la quale si sta lavorando. C’è anche l’app ‘foto‘ che ha sostituito la Galleria. La tastiera è nuova ed è più leggera e molto più grigia. C’è anche la modalità ‘non disturbare‘, che vi permetterà di scegliere per quante ore non si dovranno ricevere notifiche.

2 comments
  1. P F

    E questi sarebbero i motivi per cui Android spazzerà via gli altri sistemi operativi? E sì, la calcolatrice nuova mi cambierà la vita… ma avete visto le novità di IOS e l’interazione con Mavericks? Già basta che da un Mac potrò rispondere al mio telefono che magari ho dimenticato in un’altra stanza e voi vi gasate perchè “basterà scorrere verso l’alto per sbloccare il telefono” e non più col cerchietto? quando con un iphone oramai da un anno si sblocca il telefono con la propria impronta digitale senza rischiare che qualcuno lo usi se lo perdiamo o lo rubano? Per non parlare dell’integrazione di miriadi di funzioni comodissime tra infiniti apparecchi di casa? Tra un paio di mesi probabilmente chiuderò casa, tapparelle incluse, dal mio telefono e voi parlate di una nuova interfaccia della calcolatrice come fosse un’innovazione tecnologica? Ma davvero? Non ci voglio credere.

  2. P M

    Vuoi mettere con un bellissimo iPhone 6 Plus pagato un occhio della testa che si piega?! Quella sí che è innovazione dei materiali! Quella è la scelta vincente per batterli tutti! Bravo te che stai continuando a farti prendere in giro dalla Mela morsicata… Buona continuazione! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti