Caricamento in corso...
Android

Android N è già molto veloce e fluido, con alcuni bug inevitabili

Google ha rilasciato la developer preview di Android N. E anche se, naturalmente, tante cose devono essere ancora messe a punto, i primi test sono unanimemente positivi.

Le cose girano sullo schermo molto più velocemente di quanto siamo abituati. Parte di questo è grazie al fatto le velocità di animazione sono state accelerate radicalmente, ma è vero che sembra esserci un elevato livello di attenzione dedicato al movimento degli elementi di base del sistema operativo.

google-android-n-informatblog

Una delle caratteristiche principali di Android N è la funzionalità di split-screen multitasking. Funziona bene, e la si attiva tenendo premuto il dito sulla parte superiore di una finestra nella principale vista multitasking e trascinandola fino a un’area evidenziata. Fatto questo, l’altra metà vi darà una seconda vista multitasking per scegliere un’altra applicazione. A questo punto che le due app sono in esecuzione è possibile regolare lo splitter in alto o in basso in modalità verticale o a destra e sinistra in modalità orizzontale.

Quello che è intrigante è che in realtà funziona bene anche con applicazioni di terze parti come Twitter che probabilmente non sono state progettate per questo. Le applicazioni che devono obbligatoriamente funzionare a schermo intero come i giochi, tuttavia, non funzionano ancora. Ci sono alcuni crash qua e là, ma nel complesso la funzionalità è molto più solida di quanto ci si aspetterebbe per un anteprima così precoce.

C’è anche un nuovo modo per gestire le Impostazioni rapide. Google mette a disposizione una breve fila di icone in alto della zona delle notifiche, e premendo uno di questi pulsanti attiverà direttamente Wi-Fi o Bluetooth o qualsiasi altra cosa. Se si tira ancora più verso il basso, è possibile personalizzare ciò che appare nelle Impostazioni rapide e dove – e alcune di queste icone, come la batteria o Risparmio dati, vi porteranno subito ad alcune informazioni invece di mandarvi alla la schermata Impostazioni principale.

A proposito, anche la schermata Impostazioni principale è stata aggiornata. Adesso ogni riga mostra molte più informazioni (e c’è un menu di navigazione un po’ ridondante a sinistra). Nella parte superiore, c’è una zona “suggerita” per le impostazioni a cui Android vuole che prestiamo attenzione, come Risparmio dati, sicurezza e wallpaper.

Un altro grande cambiamento è nelle notifiche stesse: sono molto più informanti ora, quasi al punto di distrarre. Significa che si può fare molto di più, e Android era già meglio di chiunque altro al riguardo. Ogni sviluppatore adesso può anche costruire una Risposta Rapida nelle loro app.

Ci sono anche alcune altre cose carine. Ad esempio, durante il processo di installazione iniziale c’è un nuovo pulsante “Vision Settings“, che permette agli utenti di modificare la dimensione del carattere o anche accendere Talkback – entrambe caratteristiche importanti per l’accessibilità. Ci sono alcuni altri cambiamenti negli angoli, quindi se avete un Nexus di ricambio vale la pena dare un’occhiata e installare la developer preview di Android N. Ma se non lo avete, non dovreste installarla; è buona ma è ancora un’anteprima, e non dovrebbe essere qualcosa che si usa tutti i giorni.

Ci aspettiamo di sentire molte più novità su Android N alla conferenza Google I/O che si terrà a maggio, tra cui quelle che presumiamo essere nuove funzionalità che Google non ha ancora svelato. Restate sintonizzati per saperne di più. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti