Android

Android, un’evoluzione molto “conveniente”

Android

Per confermare quanto dichiarato nella giornata di ieri da Eric Schmidt, executive chairman di Google, gli avviamenti di terminali Android stanno progredendo in maniera smisurata e avrebbero, dunque, raggiunto la quota giornaliera di 1,5 milioni di device attivati. Un valore che condurrebbe a 1 miliardo di attivazioni totali entro il termine di questo 2013. Numeri inequivocabili che confermano una crescita esponenziale a partire dai 700.000 terminali attivati giornalmente a dicembre del 2011 fino ai 900.000 dello scorso giugno.

Verranno coinvolti molti altri utenti

Sempre prendendo come oro colato le dichiarazioni di Schmidt in occasione della Dive Into Mobile Conference, il fattore di crescita maggiore per il futuro sarà il coinvolgimento degli altri 5 miliardi e mezzo di utenti e raggiungere il traguardo di prezzo dei 100$ per uno smartphone.

I trend del momento, ad ogni modo, condurranno infatti a portare a un abbassamento di prezzo per quanto riguarda le prossime generazioni di smartphone. Queste risulteranno sicuramente più economiche fino a che non sarà opportuno un quantitativo di memoria molto superiore rispetto a quanto attualmente possibile immaginare. Chissà se è un’esagerazione o, questi dati, corrispondo al vero.

Schmidt smentisce tutti sulle qualità “evergreen” di Android

Al fine di smentire tutte le voci che calunniano Android accusandolo di essere un sistema operativo impossibile da utilizzare su terminali vecchi e con specifiche obsolete, Schmidt ha mostrato un T-Mobile G1, risalente al lontano 2008, su cui è stata installata l’ultima versione di Android, affermando “It actually works… it’s just a little slow.”

One comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti