Caricamento in corso...
App

App gravidanza: ecco perchè non sono affidabili

State facendo affidamento sul vostro smartphone e su alcune app gravidanza per i vostri piani di rimanere incinta? Un nuovo studio afferma che probabilmente niente di tutto ciò sarà efficace. Secondo i risultati di un recente studio, è infatti stato scoperto che le app di fertilità non sono molto efficaci per aiutare le utenti a pianificare o prevenire una gravidanza.

I ricercatori della Georgetown University School of Medicine a Washington D.C. hanno esaminato oltre 100 app gravidanza per smartphone utilizzate dalle donne americane e hanno scoperto che non aiutano molto a raggiungere la gravidanza o ad aiutare ad evitarla.

Il ricercatore principale dello studio, il dottor Marguerite Duane, ha detto che un numero sempre crescente di donne in età riproduttiva sta usando questo tipo di app gravidanza. Esse tendono ad usare un metodo contraccettivo basato sulla consapevolezza della fertilità (il cui acronimo è FABM, Fertility Awareness Based Method) in modo da avere il pieno controllo su quando vogliono o meno una gravidanza.

app gravidanza informatblog

Secondo l’American Congress of Obstetricians and Gynaecologists (ACOG), la consapevolezza della fertilità è “conoscere e riconoscere quando il momento in cui una donna è fertile si verifica nel ciclo mestruale”. I ricercatori durante lo studio hanno scoperto che almeno il 55% di queste app hanno un avviso che indica che esse non sono destinate ad essere utilizzate per evitare la gravidanza.

Queste app gravidanza funzionano aiutando il monitoraggio del ciclo mestruale di una donna, indicando i giorni in cui avviene l’ovulazione e il particolare momento che sarebbe più appropriato per rimanere incinta, o il momento in cui dovrebbero prendere precauzioni per evitare di rimanere incinta.

Le app di fertilità per smartphone controllano anche la temperatura basale di una donna, che si ha quando il corpo è completamente a riposo. Queste app la utilizzano per capire il momento in cui una donna è fertile, ma la ACOG afferma che un aumento della temperatura basale si verifica in genere dopo 2 o 3 giorni dopo l’ovulazione e quindi non è un buon modo per capire il miglior momento per rimanere incinta per un donna. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Loading...
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti