App

Nuova app per smartphone ridona la vista ai ciechi

Jonathan Mosen, cieco dalla nascita, ha trascorso la sua serata a scattare foto dei pacchetti ricevuti per posta, ad aiutare suo figlio a fare i compiti e a mettere le etichette sulle bottiglie prima di metterle in frigorifero. In pochi secondi, stava ascoltando l’audio delle parole stampate che la macchina fotografica ha catturato, per gentile concessione di una nuova applicazione per iPhone.

Non potevo credere quanto fosse accurata“, ha detto Mosen, che è un consulente di tecnologia assistiva della Nuova Zelanda. La nuova applicazione che permette alle persone non vedenti di ascoltare un audio-rilettura di un testo stampato sta ricevendo recensioni entusiastiche dopo il suo primo giorno di disponibilità e si annuncia come in grado di cambiare la vita di molte persone.

I non vedenti dicono che l’applicazione KNFB Reader consentirà un nuovo livello di coinvolgimento nella vita di ogni giorno, dal leggere i menu nei ristoranti al capire i volantini ricevuti per strada. La app, dal costo di 99 dollari, è il risultato di un rapporto lungo quattro decenni tra la Federazione Nazionale dei Ciechi e Ray Kurzweil, un noto scienziato di intelligenza artificiale e dipendente di Google. Secondo il suo sito web, K-NFB Reading Technology Inc e Sensotec NV, una società con sede in Belgio, hanno curato lo sviluppo tecnico delle app.

app-smartphone-vista-ciechi-informatblog

Kurzweil, che ha mostrato l’app sul palco alla convention annuale della NFB nel mese di giugno, ha detto che può sostituire un “consulente vedente”. Approfittando delle nuove tecnologie nel pattern recognition e nell’elaborazione delle immagini, così come del nuovo hardware degli smartphone, l’applicazione permette agli utenti di regolare o inclinare la fotocamera, e legge lo stampato ad alta voce. Le Persone con i display Braille ora possono scattare foto ai documenti e visualizzarli in Braille quasi istantaneamente, ha detto il portavoce di NFB Chris Danielsen.

L’applicazione ha già dato ad alcune persone una maggiore indipendenza, hanno detto gli utenti Giovedi e Venerdì su Twitter. Uno dei primi utilizzatori, Gordon Luca, ha scritto su Twitter che era in grado di utilizzare l’applicazione per leggere la sua scheda elettorale per il referendum scozzese.

L’applicazione sarà disponibile anche su Android nei prossimi mesi, ed è stata pensata anche per Google Glass. “La app per Google Glass ha senso perché gli utilizzatori dirigono la telecamera con la testa”, ha detto Kurzweil, che ha iniziato a lavorare sulle cosiddette “macchine di lettura” nei primi anni 1970 dopo aver chiacchierato su un aereo con una persona non vedente che ha espresso frustrazione per la mancanza di tecnologia ottica di riconoscimento sul mercato. Qualche anno più tardi, “Kurzweil entrò negli uffici della Federazione Nazionale Ciechi a Washington DC, e disse di aver inventato una macchina di lettura“, ricorda Jim Gashel, un ex dipendente NFB che attualmente dirige lo sviluppo del business in KNFB Reader. “Fu fenomenale“.

La prima macchina da lettura di Kurzweil aveva le dimensioni di una lavatrice e costava 50.000 dollari. La tecnologia ha continuato a migliorare nel corso degli ultimi decenni – la nuova applicazione per smartphone è in grado di riconoscere i caratteri stampati e tradurli in diverse lingue, e scansionare le diapositive di PowerPoint fino a 7 metri di distanza – ma non era ancora disponibile su un dispositivo mobile tradizionale. In precedenza, ci vollero più di 1.000 dollari per utilizzare il software con un telefono cellulare Nokia e una macchina fotografica.

Non solo frivolezze

Il rilascio della app giunge in un momento in cui il settore tecnologico ha affrontato diverse critiche per essere troppo concentrato sul fare ciò che alcuni ritengono prodotti frivoli come applicazioni per la condivisione di foto e videogiochi, così come per l’intrusione nella privacy personale delle persone. A San Francisco, gli attivisti hanno bloccato gli autobus gestiti da aziende come Google e Apple, e picchettato le case di alcuni dirigenti di società di tecnologia perchè ritenuti responsabili di guidare il costo della vita e non fare abbastanza per aiutare a risolvere i problemi della città.

Bryan Bashin, di San Francisco, direttore esecutivo dell’associazione no-profit Lighthouse for the Blind and Visually Impaired (tradotto: “Faro per ciechi e ipovedenti“), ha detto che l’applicazione KNFB mostra l’impatto positivo e profondo che la tecnologia può avere. “Ci sono innumerevoli momenti nella vita in cui ho della carta stampata ma nessuno in giro che mi può dare una mano, e io voglio solo sapere qualcosa di semplice come ‘questo pacchetto di caffè è decaffeinato o con caffeina?’ ha detto Bashin. “La capacità di svolgere questi compiti facilmente con qualcosa che si adatta in tasca alla velocità della luce sarà sicuramente un punto di svolta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti