Mercati emergenti

Apple inizia la rimozione di app iOS iraniane dall’App Store

Alcuni rapporti provenienti dall’Iran suggeriscono che Apple ha presumibilmente iniziato la rimozione di app iOS provenienti da startup e sviluppatori del paese. Prima di questo, Apple aveva, in modo limitato, aperto il suo App Store agli iraniani a settembre 2016 e sembrava anche che gradualmente stesse rimuovendo alcune delle limitazioni, periodicamente.

Secondo il sito Techrasa, il più grande servizio di e-commerce iraniano Digikala, che ha milioni di utenti, ha visto rimuovere la sua app dall’App Store pochi giorni fa.

app store iran

Sebbene non vi sia alcun App Store ufficiale disponibile per il mercato iraniano, molte aziende registrano le loro app al di fuori dell’Iran per essere in grado di entrare a far parte dello store.

Digikala utilizza il sistema di pagamento Shaparak che è completamente isolato da sistemi internazionali, e in teoria non contravverrebbe ai termini d’uso di Apple. Inoltre, diverse banche in Iran hanno app per iOS, precaricate sui telefoni.

Gli iraniani sono pazzi per gli smartphone, con una stima di 40 milioni di unità nel paese, tra cui 6 milioni di iPhone. La popolazione è di circa 82 milioni di abitanti, con un’età media di meno di 30 anni. Secondo quanto riferito, circa 100.000 iPhone vengono contrabbandati nel paese ogni mese. Ovviamente questo porta ad un altrettanto grande mercato per servizi e accessori post-vendita. In altre parole, se Apple riuscisse pienamente ad impegnarsi in questo mercato, ne avrebbe trovato uno altamente lucrativo.

Tuttavia l’Iranian Transactions and Sanctions Regulations emesso dal Dipartimento americano del Tesoro pone severi blocchi su questo mercato. Secondo Techrasa, Apple ha inviato il seguente comunicato alle startup iraniane che tentano di caricare app sull’App Store:

“Purtroppo, l’App Store non è disponibile in Iran. Inoltre, le app che agevolano transazioni per imprese o enti con sede in Iran non potrebbero non rispettare l’Iranian Transactions Sanctions Regulations (31CFR Part 560) quando sono conservate sull’App Store. Per queste ragioni, non siamo in grado di accettare la vostra richiesta in questo momento. Vi invitiamo a inviare nuovamente la richiesta quando saranno riviste le leggi sul commercio internazionale per consentire questa funzionalità”.(Fonte)

Rispondi

Le guide più interessanti