Mercati emergenti

Apple in crisi in Cina, quarto posto ceduto a Xiaomi

Apple è scesa al quinto posto nel mercato degli smartphone cinese, dove le vendite hanno raggiunto 131,6 milioni di unità nel quarto trimestre del 2016, pari a quasi un terzo delle vendite di tutto il mondo.

I dati di vendita del 4° trimestre, diffusi dalla società di ricerche di mercato Canalys, confermano il record di smartphone venduti in Cina nel 2016, con le vendite che hanno toccato i 476,5 milioni di unità, in aumento dell’11,4% rispetto al 2015.

Huawei ha venduto 76,2 milioni di unità e con questi ha conquistato il primo posto nel mercato degli smartphone in Cina nel 2016, seguita da Oppo con 73,2 milioni di unità e Vivo con 63,2 milioni.

Apple ha nel frattempo venduto 43,8 milioni di iPhone in Cina, in calo del 18,2% rispetto al 2015, dato questo che ha influenzato il calo del 7% della società a livello mondiale rispetto al 2015. Apple ha anche perso il quarto posto nei confronti di Xiaomi, nonostante anch’essa sia in calo in Cina.

Apple vendite di smartphone in Cina
Vendite di smartphone in Cina 2015-2016 (milioni di unità)

Xiaomi è al quarto posto nel mercato degli smartphone in Cina, mentre Apple è scesa al quinto posto. Xiaomi ha venduto un totale di 51,4 milioni di smartphone con un calo del 21% rispetto al 2015, mentre la sua quota di mercato è diminuita dal 15,2% nel 2015 al 10,7% nel 2016, il dato più basso mai registrato sin dal 2013.

Il successo di Huawei in Cina continua invece a ritmo sostenuto sulla forza dei suoi prodotti di punta. “Apple, Samsung e Xiaomi sono in fase di regolazione delle loro strategie in Cina, Huawei ha colto l’occasione per consolidare la sua posizione nelle città di primo livello”, dice Canalys. Huawei ha anche attaccato Oppo e Vivo nelle città meno ricche, grazie ai numerosi smartphone di fascia bassa.

L’anno scorso Apple ha vissuto il suo primo calo anno su anno nel mercato degli smartphone in Cina, poichè i telefoni della società sono stati superati da alternative più economiche e l’iPhone 7 non è riuscito a mandare in delirio i consumatori cinesi.

Apple ha dovuto affrontare una storia simile all’inizio dell’anno in corso. Nonostante risultati record, il primo trimestre 2017 ha rivelato un fatturato Apple sceso dell’8% in Cina, ma il CEO Tim Cook ha affermato che la metà di tale flessione è stata a causa della svalutazione della moneta. Cook ha detto che sebbene il mercato cinese non sia “senza difficoltà”, è rimasto incoraggiato dai miglioramenti che si concretizzeranno nel secondo trimestre.

Gli analisti hanno suggerito in precedenza che il declino di Apple in Cina è stato aggravato dagli utenti fedeli, che si sono presi un anno di pausa nel 2016 in previsione dell’iPhone 8. Se così fosse, il successo di Apple dipenderà dal fatto che il prossimo telefono riuscirà a soddisfare i consumatori.

“La Cina e Hong Kong sono ancora le zone più difficili per Apple”, dice Canalys. “Le prospettive che Apple riesca a fare un’annata come quella di massimo splendore del 2015 rimangono negative. Come per i consumatori in altri mercati sviluppati, i cinesi sono in attesa dell’iPhone 8 con aspettative molto alte.”(Fonte)

Rispondi

Le guide più interessanti