AppleiPhone

Perché Apple non dovrebbe lanciare un iPhone 6s Mini

Apple potrebbe lanciare un iPhone 6 più piccolo e più economico, secondo alcuni analisti del settore. Lo scorso febbraio, Katy Huberty di Morgan Stanley ha sostenuto che “avrebbe senso” per Apple lanciare un più economico “iPhone 6s Mini” per i mercati emergenti.

Il mese scorso, Zacks Equity Research ha affermato che Apple potrebbe vendere 10 milioni di iPhone più piccoli nel 2015. Nel frattempo, le voci provenienti dalle aziende produttrici dei pezzi di iPhone sostengono il Mini avrà un display da 4 pollici simile all’iPhone 5s e 5c, invece di uno schermo più grande simile a quelli dei nuovi iPhone 6. Vediamo perché Apple potrebbe lanciare un iPhone 6s Mini, e vediamo anche perché potrebbe non avere molto senso.

apple-iphone-6-informatblog

Perché Apple potrebbe lanciare un iPhone 6s Mini

Lanciare un iPhone 6s Mini continuerebbe la strategia di dimensione e di variazione dei prezzi che Apple ha adottato con iPod, iPad, e iPhone 6.

L’iPhone Mini piacerebbe ai consumatori che preferiscono le piccole dimensioni, o a coloro che pensano che iPhone 6 e 6 Plus siano troppo cari. La mossa potrebbe aiutare Apple a competere contro Google e il suo programma Android One, così come contro i dispositivi Lumia di fascia bassa di Microsoft in mercati emergenti come Cina, India e Brasile, dove si trovano smartphone che costano anche solo 100 dollari.

La forte presenza in quelle zone è importante, dal momento che i mercati maturi come gli Stati Uniti e l’Europa stanno rapidamente diventando saturi. La società di ricerche eMarketer stima l’utenza americana di smartphone salirà dell’11,4% il prossimo anno, a 182,6 milioni di utenti. In confronto, IDC prevede che quasi mezzo miliardo di smartphone saranno venduti in Cina quest’anno, mentre le vendite di smartphone brasiliani potrebbero salire a tre cifre dai 66 milioni attuali entro il 2017. eMarketer prevede inoltre che 200 milioni di smartphone saranno venduti in India entro il 2016.

Anche se Apple domina il 42% del mercato degli smartphone USA (fonte comScore), ha quote molto più basse nei mercati in via di sviluppo ed emergenti, ecco i dati:

  • Cina: 5%
  • India: 2%
  • Brasile: 4%-9%

(fonti: Canalys, Economic Times, Gartner, Kantar). Questa disparità suggerisce che Apple ha bisogno di smartphone più economici per rivendicare parte di questi grandi mercati in crescita.

Perché Apple non dovrebbe lanciare un iPhone 6s Mini

Il problema principale con il lancio di un iPhone 6s Mini più economico e più piccolo è che potrebbe sminuire il fatto che Apple vende soltanto prodotti di prima fascia. Ad esempio, la BMW (a cui Steve Jobs spesso ha paragonato Apple) non ha bisogno di produrre veicoli di fascia bassa per rubare quote di mercato in India a Tata Motors o in Cina a BYD.

I principali rivali di Apple non seguono questa strada, che promuove i valori del rispetto alla quota di mercato. Samsung ha precedentemente lanciato dispositivi di fascia alta (il Galaxy Note 4), quelli di fascia bassa (il Galaxy S Duos 3), quelli più strani (il Galaxy Note Edge), e decine di telefoni in mezzo. Sony e HTC hanno impiegato strategie simili a quelle di Samsung, ma tutti e tre sono stati schiacciati tra Apple (per la fascia alta del mercato) e i rivali cinesi (per la fascia bassa del mercato), tra cui Xiaomi e Lenovo.

Ancora più importante, la strategia di Samsung nel mercato di fascia bassa non ha impedito che la sua quota di mercato precipitasse. IDC ha riferito che Samsung controllava il 23,7% del mercato degli smartphone mondiale nel terzo trimestre del 2014, in calo dal 32,2% nel trimestre dell’anno precedente, a causa della maggiore frammentazione del mercato Android. La quota di mercato di Apple si è solo spostata leggermente in basso dal 12,8% all’11,7%.

Nel frattempo, la domanda di phablet (telefoni con schermo compreso tra 5,5 e 7 pollici) è in rapida crescita. IDC prevede vendite di phablet nel mondo in salita dai 175 milioni di unità nel 2014 a 318 milioni di unità nel 2015. Pertanto, sembra controproducente lanciare un telefono da 4 pollici, quando il mercato favorisce chiaramente dispositivi più grandi.

Il punto di riferimento: iPhone 5c

Un buon punto di riferimento per l’iPhone 6s Mini potrebbe essere l’iPhone 5c. Contrariamente alla credenza popolare, il 5c non è stato un flop. Forbes stima che Apple ha venduto almeno 24 milioni di unità di 5c fino alla fine dello scorso giugno, e il dispositivo ha in realtà margini più elevati rispetto al 5s.

iphone-5c-informatblog

Il problema è che i media ritragono il 5c come un iPhone di fascia bassa, quando è solo moderatamente più economico del 5s. Se lo scopo del 5c era di rubare quote di mercato ai meno costosi telefoni Android, probabilmente ha fallito. Ma se è stato semplicemente pensato per essere un iPhone entry-level, ce l’ha fatta.

Con tale misura, la previsione di Zacks per la vendita di 10 milioni di iPhone Mini da 4 pollici è molto conservatrice rispetto alle vendite passate dell’iPhone 5c. E se l’iPhone 6s Mini seguisse le orme del 5c, probabilmente sarà solo leggermente più conveniente rispetto all’iPhone 6.

Cosa dovrebbero aspettarsi gli investitori Apple

Le vendite di iPhone hanno rappresentato più della metà delle entrate di Apple nell’ultimo trimestre, così ampliare la linea con nuovi prodotti sarebbe un catalizzatore positivo per l’azienda.

Eppure dubitiamo che Apple lancerà un iPhone più economico di 100-200 euro, dato che offuscherebbe il marchio premium della società. E anche non ha senso per Apple lanciare un dispositivo da 4 pollici – persino a marchio Apple – in un mercato che va sempre più verso i phablet.

Pertanto, gli investitori dovrebbero prendere tutte le voci sull’iPhone 6s Mini con il beneficio del dubbio. Ma considerando l’amore di Apple per i dispositivi “mini” e il suo lancio del 5c, un iPhone più piccolo potrebbe ancora essere in ballo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti