Apple

Apple potrebbe diventare obsoleta in 3 anni

Apple potrebbe diventare obsoleta da qui ai prossimi tre anni, a causa della crescente concorrenza e le valutazioni sempre eccessive nel settore della tecnologia, ha detto giovedì un analista della CNBC.

Il commento è arrivato dopo che Apple ha registrato un utile netto del secondo trimestre di 7,75 miliardi dollari, in crescita del 12 per cento rispetto ai 6,90 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno (Fai clic per leggere l’articolo)

apple-obsoleta-3-anni-informatblog

Il fatturato trimestrale è stato pari a 37,4 miliardi dollari. Per il terzo trimestre di quest’anno, il gigante tecnologico avrebbe previsioni di fatturato comprese tra 37 e 40 miliardi di dollari. Pedro de Noronha, managing partner di Noster Capital, ha detto che era sicuro del potenziale a lungo termine per l’azienda della Silicon Valley. “Vogliamo sapere dove sarà una società tra 5 o 10 anni. Voglio dire, guardate la Apple, una società che tutti noi ammiriamo … non sappiamo dove saranno i prossimi tre anni”, ha detto Noronha ad un’intervista televisiva della CNBC.

“Quello della tecnologia è un panorama molto competitivo. Apple potrebbe diventare obsoleta in due-tre anni, decine di aziende di tecnologia hanno già seguito questa strada”. Apple ha venduto 35,2 milioni di iPhone nei tre mesi conclusi il 28 giugno, in crescita del 13 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ma le vendite di iPad hanno deluso, in diminuzione per il secondo trimestre consecutivo a causa dell’agguerrita concorrenza di altri produttori di tablet.

Le speranze con l’iPhone 6

L’azienda punta su una forte serie di prodotti, in particolare l’iPhone 6 e la tecnologia indossabile per guidare ulteriormente la crescita. Anche il successo nei mercati emergenti è un fattore di crescita fondamentale per Apple, che ha registrato un aumento del 28 per cento del fatturato in Cina per il trimestre rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Noi continuiamo a pensare che ci sia margine di crescita, iPhone arriverà nella seconda metà dell’anno, e porterà un nuovo potenziale che non viene preso in considerazione in queste statistiche”, ha detto Aaron Rakers, amministratore delegato di Stifel.

Valutazioni “finzione”

Alcuni analisti, tra cui Noronha, sono preoccupati per le valutazioni delle aziende tecnologiche, suggerendo che esse non sono costruite su basi solide. All’inizio di quest’anno, la tecnologia ad alta crescita e titoli di borsa di aziende internet come Netflix e Facebook sono state vendute in quanto gli investitori sono diventati nervosi a causa di valutazioni troppo elevate. Concentrandosi su Netflix, Noronha ha detto che le valutazioni della società di film e tv in streaming era così alta che l’ha definita “finzione”. “Non potete mettervi davanti a un treno in movimento e dirgli di fermarsi, proprio perché in teoria vi sopravvalutereste”, ha detto.

Tuttavia alcuni analisti vedono ulteriore rialzo in ambito tecnologico. “Negli ultimi due mesi, le valutazioni tecnologiche sono scese un po'”, ha detto a CNBC in un’intervista telefonica Antoine Chemali, fondatore della Digital World Capital. “Il mercato della tecnologia nel suo complesso è sottovalutato perché le aziende hanno quantità enormi di denaro, nessun debito rispetto ad altri settori, ed le quantità che stanno commerciando in confronto ad altri settori sono molto diverse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti