Software

Apple OS X Mavericks 10.9 – Novità, migliorie e considerazioni!

os x mavericks 10.9

Apple OS X Mavericks 10.9 è l’ultimo sistema operativo prodotto da Cupertino per la propria famiglia di personal computer. Senza cambiamenti drastici nella user interface, Mavericks porta all’utente finale oltre 200 migliorie che rendono questo OS un ulteriore passo avanti rispetto alle precedente versioni.

Costruito sulle fondamenta di UNIX, OS X Mavericks permette di sfruttare al massimo l’hardware dei vostri MAC, e con questa versione, si interfaccia ancora di più con i vostri dispositivi iOS. Non aspettatevi comunque cambiamenti drastici. Apple per ora è rimasta legata alle “vecchie abitudini”. Se non toccate un MAC da qualche anno probabilmente utilizzando Mavericks non restereste spiazzati. Per il suo ambiente desktop Apple ha per ora deciso di non stravolgere l’interfaccia grafica come su iOS 7 o come Microsoft con Windows 8.

mavericks

Che Cupertino sia legata alle tradizioni lo si capisce anche dal nome di questo prodotto. Mavericks, riporta Wikipedia, è in gergo uno “spot” per la pratica del surf situato al largo della costa nord della California, nazione in cui ha sede la Apple. Lo sfondo con cui viene presentato questo nuovo OS ritrae proprio parte di un’onda di questa particolare zona.

Nonostante il numero di migliorie, le reali differenze percepibili a primo impatto sono relativamente “poche”. Non sta a noi però decidere se catalogare questo prodotto come un semplice update o un vero nuovo OS.  E non è questo che importa. Quel che importa invece è che questa volta Apple ha trattato i propri clienti con un occhio di riguardo, senza pensare troppo ai ricavi. OS X Mavericks infatti è la prima versione ad essere rilasciata gratuitamente. Che siate attualmente possessori di Snow Leopard piuttosto che di Mountain Lion questo non ha importanza. Per installare Mavericks vi basterà semplicemente accedere all’App Store con le vostre credenziali e dare il via al download.

OS X Mavericks 10.9: analisi del nuovo sistema operativo

Iniziamo dunque questa analisi del nuovo OS X Mavericks descrivendo le novità principali introdotte in questa versione.

Mavericks 10.9 – Novità

Per la prima volta vediamo introdotte nativamente le applicazioni iBooks e Maps, fino a poco fa esclusiva dei dispositivi iOS fanno la loro comparsa quest’anno anche su OS X. Apple ha dato una rivisitata anche al Calendario, Safari è stato notevolmente migliorato ed il sistema di notifiche ci permette di interagire con esse.

os x mavericks 10.9

Il Finder si è rinnovato con un’interfaccia a schede e la possibilità di assegnare dei tag ai vari file. Il portachiavi finalmente si interfaccia con iCloud per sincronizzare le credenziali tra tutti i nostri dispositivi Apple. Non mancano poi migliorie sotto al cofano, come la memoria compressa o Timer Coalescing e App Napp le quali migliorano la gestione energetica del nostro MacBook aumentandone di conseguenza l’autonomia.

Mavericks 10.9 – iBooks

os x mavericks 10.9
Come annunciato nel paragrafo precedente iBooks è una delle new entry di questa versione. Con Mavericks dunque avremo la possibilità di leggere i nostri libri preferiti anche dal nostro Mac. La sincronizzazione avviene tramite iCloud, perciò ogni qualvolta continueremo la lettura su un dispositivo, troveremo il segnalibro al posto giusto sul nostro intero ecosistema Apple.

os x mavericks 10.9 os x mavericks 10.9

All’apertura troveremo dentro l’applicazione cinque diversi tipi di raggruppamento dei contenuti. Nella barra superiore di iBooks infatti vedremo “Tutti i libri, Raccolte, Autori, Categorie, Elenco”. Un’ulteriore divisione dei contenuti è data dalla barra laterale sinistra, la quale permette di raffigurare solo i PDF o solo gli ebooks. Una volta avviata la lettura invece l’interfaccia passa ad uno stile essenziale dove tutto sparisce per fare spazio alle parole e limitare qualsiasi tipo di distrazione.

os x mavericks 10.9

In iBooks è stato integrato anche lo store dedicato al mondo dei libri, iBookstore. Le interfacce sono molto simili a quelle delle app di iOS, e come dai nostri iPad o iPhone, anche dai nostri Mac potremo acquistare nuove copie digitali per averle disponibili in qualunque momento. I titoli già acquistati li troverete disponibili immediatamente dopo la prima sincronizzazione.

Mavericks 10.9 – Mappe

os x mavericks 10.9
La seconda icona che non risulterà molto famigliare sul vostro Mac appartiene a Mappe. La nuova applicazione trasporatata da iOS ad OS X per permettere ad Apple di offrire una specie di Google Earth fatto in casa. Nonostante le mappe di Cupertino abbiano un passato alquanto travagliato ed una fama non proprio ottima c’è da dire che il livello di dettaglio nelle panoramiche 3D è alquanto apprezzabile, soprattutto nelle città di principale importanza.

os x mavericks 10.9
Oltre alle classiche visualizzazioni Standard, Ibrdia e Satellite, Mappe offre una prospettiva 3D davvero curata. L’applicazione però non si limita a questo. Potrete infatti pianificare i vostri itinerari cercando la destinazione e programmando il viaggio comodamente dal vostro Mac. Una volta scelto il tragitto migliore potrete poi inviare le indicazioni al vostro iPhone per cominciare il vostro viaggio.  Mappe inoltre vi avvisa in tempo reale sulle condizioni del traffico, proponendo percorsi alternativi per non incappare in lunghe e noiose code autostradali.

os x mavericks 10.9

Grazie all’integrazione con Yelp, un sito che offre recensioni su locali e negozi, sarete in grado di visualizzare le attività di una determinata zona, permettendovi di scegliere in anticipo in che ristorante andare una volta arrivati nella località di destinazione. Mappe inoltre si integra perfettamente con l’applicazione Calendario che analizziamo qui di seguito.

Mavericks 10.9 – Calendario

Apple su OS X Mavericks ha rinnovato il look dell’applicazione Calendario il quale risulta ora più semplice graficamente avendo abbandonato lo stile scheumorfista, caratteristico di Cupertino fino a poco fa.

os x mavericks 10.9

Come in precedenza troviamo quattro tipi di visualizzazioni, quella giornaliera, settimanale, mensile e annuale. Ora Calendario permette di creare nuovi eventi in maniera più semplice e completa. Integrandosi con Mappe poi sarà possibile selezionare il luogo, calcolare il tempo necessario all’arrivo e visualizzare anche le condizioni meteo per una determinata data. Potremmo inoltre impostare un avviso in base al tempo necessario per raggiungere la destinazione o semplicemente un giorno o qualche ora prima.

os x mavericks 10.9

Se deciderete di connettere il vostro Mac a Facebook allora verranno mostrati anche gli eventi associati al vostro profilo. Per aggiungere più calendari basterà semplicemente aggiungere i vostri account tramite le impostazioni.

Mavericks 10.9 – Finder

Il Finder ha ricevuto grandi attenzioni dagli sviluppatori Apple, i quali si sono impegnati per integrare due funzioni veramente utili nell’utilizzo giornaliero dei nostri Mac. Con OS X Mavericks infatti troviamo integrato in finder un sistema di gestione di tag ed una visualizzazione a schede delle varie cartelle aperte.

os x mavericks 10.9

Cominciamo dunque analizzando queste ultime. D’ora in poi se dovrete passare da una cartella all’altra non dovrete per forza riempire lo schermo di finestre che rendono caotico anche un semplice copia incolla. Per aprire una nuova finestra basterà premere Command+Click sulla relativa cartella da aprire, in alternativa, sempre sulla stessa basterà selezionare “apri in un nuovo pannello” dal menu a tendina che compare con il “tasto destro”. Questa visualizzazione, già integrata in tutti i moderni browser da parecchi anni, permette di semplificare l’esplorazione dei contenuti mantenendo allo stesso tempo ordinato l’ambiente di lavoro.

os x mavericks 10.9

Un’altra particolare e importante funzione inserita nel Finder è quella relativa ai tag. Qualsiasi file infatti potrà essere associato ad un tag per facilitarne l’individuazione e l’organizzazione nel corso del tempo. Come potete vedere dall’immagine qui sopra, sulla colonna sinistra fanno la loro apparizione dei pallini colorati i quali sono associati al nome del tag che di default è determinato dal nome del colore.

os x mavericks 10.9 os x mavericks 10.9 os x mavericks 10.9 os x mavericks 10.9

I tag possono essere modificati a piacimento e aggiunti in base alle necessità. Potremo associare qualsiasi file di nostro interesse tramite il menu a tendina che d’ora in poi mostrerà nella parte bassa l’opzione tag ed i relativi pallini per una veloce assegnazione.

I file contrassegnati da un tag comune potranno poi essere richiamati tramite un click sulla categoria presente sulla colonna sinistra del finder. In questo modo, indifferentemente dalla posizione del file, troveremo i nostri documenti in un batter d’occhio. Se per esempio stessimo lavorando ad un progetto per una nuovo edificio, potremmo contrassegnare tutti i file con il tag: edificio xy, e richiamarli tutti in qualsiasi momento.

Mavericks 10.9 – Safari

Un nuovo OS senza una nuova versione di Safari è qualcosa che non potrebbe mai accadere, dunque anche in questa release il browser di Cupertino ha ricevuto le dovute attenzioni. La barra laterale sinistra troviamo ora i preferiti, la lista di lettura o i link condivisi dai nostri contatti sui Linkedin o Twitter. L’interfaccia dei siti preferiti è stata totalmente ridisegnata e ci mostra i relativi indirizzi assieme ad un’anteprima della pagina.

os x mavericks 10.9

Tra le novità troviamo inoltre un nuovo sistema per scorrere tra le schede aperte. Ora queste verranno raffigurate tramite delle grandi anteprime che scorreranno in orizzontale sul nostro browser.

os x mavericks 10.9

Le migliorie comunque non sono solo quelle visibili dall’utente, Apple ha lavorato anche al motore di Safari per aumentare le prestazioni di rendering e l’efficienza di questo applicativo. Tra le nuove tecnologie troviamo Nitro Tiered JIT e Fast Start le quale rendono Safari, a detta di Apple, ancora più veloce di prima e addirittura superiore per prestazioni a concorrenti come Chrome e Firefox nell’esecuzione di codice Java Script.

os x mavericks 10.9

Anche in questa versione non manca ovviamente l’integrazione con l’applicazione Portachiavi. Ogniqualvolta avremo bisogno di inserire dei dati come nome utente e password Safari chi chiederà il permesso di andarli a salvare nell’applicazione predisposta a mantenere in memoria le nostre credenziali.

Mavericks 10.9 – Portachiavi

Portachiavi, o Keychan, è l’applicazione integrata nei sistemi operativi OS X che permette all’utente di conservare in modo sicuro tutte le proprie password. Sia quelle legate al web che quelle legate agli applicativi che operano sul Mac di ciascun utente. Quest ‘anno portachiavi riceve un major update che va ad incrementare notevolmente la sua utilità, tutte le password infatti d’ora in poi saranno sincronizzate su iCloud su tutti i nostri dispositivi.  Le nostre password in ogni caso sono crittografate con tecnologia AES a 256 bit, un tipo di crittografia molto usata soprattutto per gli standard industriali in grado di garantire un certo livello di sicurezza ai nostri dati.

os x mavericks 10.9

Grazie all’integrazione con Safari, Portachiavi ci suggerisce anche nuove password nel momento in cui andiamo a registrarci su di un nuovo sito web. La password suggerita, nel caso in cui accettaste di usarla, verrà salvata e sincronizzata su tutti i nostri dispositivi made in California.

Mavericks 10.9 – Notifiche

Se il centro notifiche aveva già fatto la sua comparsa con la precedente versione di OS X Mountain Lion, c’è da dire che con queste non è che si potesse proprio interagire. In OS X Mavericks 10.9 la situazione fortunatamente va migliorando, questa volta infatti potremmo rispondere ad un messaggio direttamente dal centro notifiche o dal pop up che appare in alto a destra sul nostro schermo.

os x mavericks 10.9 os x mavericks 10.9

Per fare ciò sarà sufficiente passare sopra al pop up con il nostro puntatore. A questo punto vedremo comparire due pulsanti, “Cancella” e “Rispondi”, con il primo ovviamente andremo praticamente ad ignorare la notifica, con il secondo invece avremo la possibilità di digitare il nostro testo direttamente sul pop up ed inviarlo per rispondere nella maniera più immediata e veloce possibile. Questa funzione è compatibile con le mail, i messaggi e le chiamate di FaceTime. Nuove notifiche potrebbero arrivare però nel corso del tempo, Apple infatti ha aggiunto la possibilità per i siti web di andare a interfacciarsi con il sistema di notifiche di Mavericks, in modo da fornire aggiornamenti anche quando non siamo con il nostro browser sulla pagina web di quest’ultimo.

Mavericks 10.9 – Multi-Monitor

Il supporto al multi monitor è ovviamente sempre esistito anche se non è mai stato ottimizzato come in questa versione di OS X. Con Mavericks l’utente avrà la possibilità di aprire applicazioni a schermo intero su ogni display, con la possibilità di avere allo stesso tempo un menu per ogni monitor! La dock inoltre rimane sempre a disposizione e può essere spostata dove più necessaria quando vogliamo.

os x mavericks 10.9

Se non volete duplicare l’ambiente di lavoro con due menu e due spazi ben distinti allora Mavericks offre la possibilità di estendere il desktop per ricreare un unico grande spazio di lavoro. Se siete possessori di Apple TV allora sappiate che d’ora in poi, all’occorrenza, il vostro televisore potrà diventare un secondo monitor wireless! Il tutto viene gestito dal Mission Control e dalle sue impostazioni raggiungibili attraverso le Preferenze di Sistema.

Mavericks 10.9 – Monitoraggio Attività

Monitoraggio attività è l’antagonista del Task Manager di Windows. Ci permette di vedere quali sono i processi attivi in un determinato momento sul nostro sistema e ci consente di andare a terminare in maniera forzata quelle applicazioni che non hanno molta voglia di reagire ai nostri input.

os x mavericks 10.9
In OS X Mavericks questa applicazione subisce una rivisitazione grafica che snellisce un po’ la grafica e vede l’aggiunta di una nuova funzione atta al monitoraggio dell’energia, caratteristica su cui Apple ha posto l’accento con OS X Mavericks.

Mavericks 10.9 – Risparmi energetici

Apple con i propri MacBook  fornisce prodotti con un’autonomia spesso invidiata da altri produttori. L’autonomia di nuovi prodotti come il MacBook Air capace di 12 ore di utilizzo, dipende certamente dall’hardware ma anche dall’ottimizzazione del software che fa funzionare il tutto. Con Mavericks, Apple introduce alcune migliorie che almeno in linea teorica dovrebbero diminuire drasticamente lo spreco di energie da parte del sistema.

App Nap, una di queste, permette all’OS di mettere in una sorta di stand by le finestre in secondo piano durante l’utilizzo del Mac. Questo vuol dire che se state guardando dei video su YouTube con Safari a schermo intero, allora probabilmente il videogioco lasciato in background verrà messo in una specie di stato dormiente nel quale non consuma energia e permette alla CPU di concentrarsi su altre operazioni. App Nap funziona anche con le schede di Safari, utilizzando il browser integrato perciò potrete contribuire alla durata della vostra batteria. App Nap infatti è in grado di ridurre l’utilizzo della CPU di oltre il 23%.

cpu with timer cpu without timer

Timer Coalescing è la seconda novità introdotta nella schiera dei risparmi energetici e delle ottimizzazioni sotto il cofano. Questa funzionalità permette al sistema di raggruppare più operazioni di basso livello assieme in modo da creare dei periodi in cui la CPU resta in IDLE, cioè in uno stato di bassa attività in cui i consumi sono ridotti al minimo. Grazie a questo escamotage Mavericks è in grado di ridurre l’uso della CPU del 72%.

power

Safari porta in dote un’ulteriore ed esclusiva funzionalità che non vi abbiamo menzionato prima perché più correlata a questa parte dell’analisi. Safari è ora in grado di riconoscere i contenuti multimediali importanti da quelli di secondo piano. Grazie a questa particolarità fastidiose pubblicità in flash ad esempio saranno automaticamente stoppate per evitare dispendi inutili di energie. L’utente sarà in ogni caso liberissimo di riprodurre qualsiasi contenuto con un semplice click sul player. Con Safari Power Saver il browser è in grado di ridurre del 35% l’utilizzo di energia durante la navigazione su siti con plug in multimediali.

os x mavericks 10.9

Se invece per qualsiasi strano motivo notate un drain della batteria eccessivo, con un click sulla batteria potrete avere i nomi di quei applicativi che stanno influenzando negativamente sull’autonomia del vostro portatile. Sull’immagine sopra riportata ad esempio, sotto la voce “App che utilizzano energia significativa” troviamo Google Chrome, il quale in quel determinato momento aveva al suo interno aperte numerose schede.

Mavericks 10.9 – Memoria compressa

Oltre a ridurre i consumi è importante anche velocizzare generalmente il sistema operativo in modo da garantire reattività anche a quelle macchine che non hanno proprio caratteristiche tecniche di ultima generazione.

os x mavericks 10.9

Con OS X Mavericks troviamo in campo la memoria compressa, una funzionalità  che comprime i dati di app inattive lasciando più spazio al software che state usando. Questo sistema a detta di Apple, permette a Mavericks a parità di componenti di essere fino a 1,4 volte più veloce di Mountain Lion in una situazione con elevato carico di lavoro.

Mavericks 10.9 – Aggiornamenti automatici

Se siete utenti affezionati all’App Store ed effettuate spesso downloadi di applicazioni da questo servizio anche dal vostro Mac, allora questa nuova features vi farà risparmiare tempo prezioso e vi permetterà di avere sempre software aggiornato senza dover svolgere l’operazione manualmente. Come accade su iOS 7 finalmente anche su OS X le applicazioni potranno aggiornarsi in tutta autonomia, ovviamente sempre che glie ne diate il permesso.

os x mavericks 10.9

Una volta aggiornata un’applicazione per la prima volta comparirà un pop up che vi chiederà se mantenerla aggiornata automaticamente in futuro. A questo punto potrete decidere se sfruttare questa funzione o lasciar perdere per effettuare manualmente gli update quando lo ritenete più opportuno.

os x mavericks 10.9

Nel caso vogliate invece disattivare del tutto questa funzionalità, sarete liberi di farlo tramite le preferenze dell’App Store, deselezionando “Installa aggiornamenti app”.

Mavericks 10.9 – Compatibilità

I modelli compatibili con Mavericks sono i seguenti:

  • iMac (metà 2007 o più recente)
  • MacBook (fine 2008 in alluminio, inizio 2009 o più recente)
  • MacBook Pro (metà/fine 2007 o più recente)
  • Xserve (inizio 2009)
  • MacBook Air (fine 2008 o più recente)
  • Mac mini (inizio 2009 o più recente)
  • Mac Pro (inizio 2008 o più recente)

I modelli compatibili con AirDrop invece sono:

  • MacBook Pro (fine 2008 o più recente)*
  • MacBook Air (fine 2010 o più recente)
  • MacBook (fine 2008 o più recente)*
  • iMac (inizio 2009 o più recente)
  • Mac mini (metà 2010 o più recente)
  • Mac Pro (inizio 2009 con scheda AirPort Extreme o metà 2010)
  • Mac Pro (fine 2013)

Quelli compatibili con Power Nap invece:

  • MacBook Air (fine 2010 o più recente)
  • MacBook Pro con display Retina
  • MacBook (fine 2012 o più recente)
  • Mac Pro (fine 2013)

OS X Mavericks 10.9: Considerazioni

Dopo aver provato OS X Mavericks 10.9 per qualche giorno possiamo dare qualche impressione personale su questo nuovo prodotto che porta alcune migliorie interessanti ed apprezzabili. Se molti di voi si aspettavano un cambio di rotta radicale, con Mavericks purtroppo rimarrete delusi. Ancora, e fortunatamente, Apple non ha fatto diventare OS X simile ad iOS, nonostante con esso si integri alla perfezione. Per i più conservatori questo forse è un bene, soprattutto in un presente dove tutto sta diventando touch-oriented, OS X mantiene quello stile da desktop a cui molti non sono ancora disposti a rinunciare.

Apple probabilmente ha fatto bene, altri invece come Microsoft con Windows 8 hanno osato, per tornare sui propri passi poi con Windows 8.1. Togliere lo start e slegare l’utente dalla classica interfaccia desktop è stata una mossa prematura, ed Apple ha probabilmente captato il messaggio mantenendo ancora per questa versione la solita grafica e il solo tipo di interazione.

Il lavoro svolto da Apple per migliorare l’autonomia è stato molto apprezzato, nonostante almeno inizialmente, non abbiamo notato differenze significative. La reattività del sistema operativo invece è un punto a favore per questa versione. Nonostante la macchina utilizzata per questo articolo sia un Mac Mini del 2009, la reattività di Mavericks è sempre stata buona. Alcune funzioni sono ovviamente limitate, come ad esempio AirDrop, ma molte altre sono invece apprezzabili anche dopo quattro anni di nuove versioni.

os x mavericks 10.9

In OS X Mavericks è stato poi integrato iBooks e Mappe, due applicazioni che possono tornare utili e che sicuramente ampliano le funzionalità di questa release.

Qualcuno però potrebbe obiettare che non si tratti di un vero e proprio nuovo OS, e non possiamo dargli torto. Dopo anni in cui le features sono rilasciate quasi con il contagocce forse ci si aspettava qualcosa di grosso. La cadenza annuale dei rilasci di fatto però limita questa situazione. Il tempo per lavorare a qualcosa di grosso materialmente non c’è e Cupertino preferisce mantenere il suo OS aggiornato costantemente. Questa volta in maniera gratuita.

Grazie a questa mossa infatti tutti gli utenti che possiedono Snow Leopard, Lion o Mountain Lion, potranno aggiornare il proprio Mac a OS X Mavericks senza spendere un centesimo. Detto questo non ci si può lamentare se le differenze con le precedenti versioni non sono poi sostanziose. Come si suol dire “a caval donato non si guarda in bocca”.

Potrete scaricare Mavericks direttamente dall’App Store attraverso questo link.

Se desideri aggiornare a Mavericks effettuando un’installazione pulita segui la guida per creare l’USB attraverso questo link.

2 comments
  1. Valerio De Toni

    Buongiorno, ho installato Maverick 10.9. Purtroppo da quando l’ho fatto non mi collego più ad Internet con la chiavetta con scheda Sim. Non la “vede”…..
    Lachiavetta è una Nokia Internet Moden 3.8. Prima dell’aggiornamento funziona molto bene.
    Mi può aiutare?
    Grazie mille Valerio

    1. Pierpaolo

      Probabilmente non è compatibile con il nuovo os, può capitare inizialmente che non tutti i software o le periferiche siano compatibili e funzionanti. Bisogna vedere se in futuro il produttore aggiornerà il programma della chiavetta o no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti