InternetNews

Apple rinforza gli avvisi di sicurezza di iCloud dopo le foto dei vip rubate

Il CEO di Apple Tim Cook ha riferito al Wall Street Journal che iCloud invierà avvisi e notifiche push quando qualcuno cercherà di fare modifiche di password o proverà a ripristinare i dati di accesso ad un account su un nuovo dispositivo.

Apple prevede dunque di rafforzare le misure di sicurezza di iCloud per evitare che succeda nuovamente il guaio della scorsa settimana, un putiferio di proporzioni mondiali che ha visto rilasciare su internet una gran quantità di immagini osé di celebrità. Cook ha detto al giornale che i clienti del servizio di archiviazione online riceveranno un avviso e-mail e notifiche push quando qualcuno cerca di cambiare la password di un account, di ripristinare i dati su un dispositivo non associato all’account, o cerca di accedere a un account con un dispositivo riconosciuto. In precedenza, i clienti di iCloud ricevevano un avviso e-mail solo quando qualcuno cercava di cambiare la password dell’ account o all’accesso da un dispositivo non riconosciuto; nessuna notifica è mai stata inviata per il ripristino dei dati.

La mossa, che sarà messa a punto entro due settimane, arriva sulla scia di diversi diverse immagini di nudo di celebrità che sono state messe su 4chan dopo che gli account iCloud sono stati violati. Le immagini – appartenenti all’attrice Jennifer Lawrence, alla modella Kate Upton, alla cantante Ariana Grande, e a molti altri – si sono diffuse rapidamente attraverso Internet grazie ai social media.

Mentre il sospetto cadde subito su un violazione della sicurezza di iCloud, Apple ha detto martedì che la violazione è stata il risultato di un attacco mirato su account individuali e non una scarsa sicurezza di tutto il sistema iCloud. Gli hacker hanno mirato a precisi nomi utente e password, rispondendo correttamente alle domande di sicurezza delle celebrità per ottenere il controllo degli account, a detta di Apple.

Mentre ancora nega che una scarsa progettazione dell’architettura di sicurezza abbia portato al caos delle immagini, Cook ha ammesso che Apple avrebbe potuto fare di più per avvisare i propri clienti dei pericoli relativi agli hacker e alla necessità di una forte protezione con password. “Quando faccio un passo indietro da questo terribile scenario mi viene la consapevolezza che avremmo potuto fare di più” ha detto. “Penso che abbiamo la responsabilità di ammetterlo, non è proprio una cosa di ingegneria”-

Cook ha anche detto che la società aumenterà l’uso dell’autenticazione a due fattori, che aggiunge un secondo livello di autenticazione all’accesso a un account, con un codice inviato a un dispositivo mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti