Altri accessori

Apple, Samsung e Google: sfida nella tecnologia da indossare

smartwatch microsoftSecondo alcune statistiche effettuate sui cittadini americani, il 64% delle persone che percepisce un reddito alto, si dichiara non interessata alle moderne tecnologie da indossare. Gli smartphone ed i classici apparecchi non rientrano in questi dati, perché sono ritenuti oggetti dall’uso comune ed in un certo senso “indispensabili”. Nessuno si sente intimorito dallo scattare una foto o dal girare un video, ma quando si tratta di indossare un oggetto che potrebbe potenzialmente cambiare il nostro modo di comportarci, le cose prendono tutta un’altra piega.

Due degli esempi più comuni che possiamo tirare in ballo sono quelli dei Google Glass e dell’Apple iWatchQuesti due oggetti aumentano le nostre capacità innate ed esaltano i 5 sensi. Fanno vedere il mondo sotto un’altra ottica e ci portano ad assumere dei comportamenti che in realtà non ci appartengono. Con i Google Glass ad esempio, possiamo analizzare i suoni e le voci, calcolare le distanze percorse, effettuare ricerche vocali tramite le parole d’ordine, cambiare i colori se siamo daltonici o, per esempio, possiamo tradurre le lingue che non comprendiamo all’istante.

Ma tutto questo richiede una modifica radicale del nostro modo di essere e di vivere. Tutto questo spaventa non poco le persone, che in fin dei conti, nonostante la sfrenata passione per la tecnologia, hanno “paura” di quegli apparecchi che, in un certo senso, ci comandano e ci impongono determinati comportamenti.

Lo dimostra lo scarso successo avuto dallo smartwatch Sony, che al prezzo di soli 99€ non è riuscito a sfondare sul mercato americano. Le persone sotto molti aspetti rimangono legati alla “tradizione” e sbilanciarsi troppo potrebbe significare la perdita di un autonomia indispensabile per uno stile di vita corretto. I nuovi produttori che si sono avventurati nella produzione dei nuovi smartwatch, tra i quali spicca Samsung che proprio in questi giorni ha registrato il nuovo marchio Samsung Gear e Qualcomm che ha registrato TOQ, dovranno fare i conti con questa importante verità e trovare delle alternative che gli garantiscano un successo migliore di quello avuto dalla concorrenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti