InternetSoftware

Baidu utilizzerà i Big Data per prevedere le malattie

Il gigante cinese di Internet, Baidu, osserverà da vicino quando gli utenti del suo motore di ricerca cercheranno “raffreddore”, “febbre” o altri termini generalmente collegati all’influenza.

L’azienda, che afferma che il suo motore di ricerca attira più di 160 milioni di utenti ogni giorno, sta lavorando con il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie per utilizzare i Big Data per prevedere le epidemie di influenza.

Il progetto è una delle numerose iniziative Big Data che Baidu sta progettando, a fianco degli sforzi per monitorare i mercati immobiliari e finanziari, le vendite di film e le tendenze delle carriere. I Big Data sono stati utilizzati già in passato con successo per fornire una visualizzazione d’insieme delle rotte di viaggio più popolari che i cinesi hanno utilizzato per tornare a casa per festeggiare il nuovo anno lunare con le loro famiglie. Per far questo Baidu ha esaminato i dati provenienti dalle sue applicazioni location-based.

L’azienda ha rifiutato di commentare il suo ultimo progetto sanitario incentrato sui Big Data, dicendo che è ancora in lavorazione. Tuttavia, dato che Google ha già lanciato una iniziativa simile basandosi sui Big Data, Baidu sicuramente cercherà alcuni spunti dalla sua controparte statunitense.

La decisione di Baidu e delle autorità cinesi di lanciare uno strumento di previsione per le tendenze di influenza in Cina è stato ispirato dalla creazione di Google Flu Trend nel 2008, ha detto Lai Shengjie, ricercatore presso il dipartimento di prevenzione e controllo delle infezioni cinese, al China Daily.

Una sfida per Baidu sarà quella di affrontare gli stessi tipi di problemi che hanno portato ad una sovrastima da parte di Google del numero di casi di influenza negli ultimi anni. I ricercatori hanno scoperto che gli algoritmi di Google utilizzati non sono stati in grado di battere l’accuratezza dei risultati ottenuti dai dati più tradizionali, comprese le relazioni dei medici.

baidu-cina-previsione-influenza-informatblog

Si pensa che il sistema di monitoraggio dell’influenza tradizionale tramite la sorveglianza degli ospedali avrà più lacune in Cina rispetto ai paesi sviluppati, in quanto la gente del posto non necessariamente si fa visitare regolarmente dai medici, e lascia che i sintomi si sviluppino più a lungo prima di richiedere una consulenza professionale. I dati dell’attività del motore di ricerca sarebbero, in teoria, utili a dare ai funzionari cinesi un accesso più rapido alle informazioni che potrebbero puntare a tendenze emergenti, come possibili focolai di influenza in alcune località.

Individuare la posizione esatta che potrebbe essere essere la sorgente di eventuali virus è essenziale per il contenimento degli stessi. Le autorità cinesi hanno affermato all’inizio di quest’anno che un focolaio di gennaio di influenza aviaria H7N9 è rimasto contenuto dopo che il ceppo è stato trovato in tre membri di una famiglia cinese a Hangzhou. Oltre ai familiari, solo gli umani che hanno avuto stretti contatti con pollame hanno contratto il virus, hanno detto le autorità.

Avendo già sofferto per la SARS, il paese rimane perennemente in allerta contro la minaccia di pandemie: L’aumento delle infezioni da H7N9, che ha comportato alcuni morti a Zhejiang quest’anno, ha portato i funzionari a chiudere i mercati del pollame vivo in provincia, al fine di ridurre al minimo possibile la trasmissione di malattie infettive dai polli all’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti