GoogleMicrosoft

La prossima battaglia di Microsoft contro Google

Come promesso all’inizio di quest’anno, Microsoft ha pubblicato Cortana per Android. E’ appena uscita la versione beta pubblica su Android dell’assistente personale digitale che è stato una delle caratteristiche chiave di Windows. Con una mossa che segue la strategia del CEO Satya Nadella, Cortana offre un facile accesso al motore di ricerca Bing per le ricerche web e alle informazioni personali associate, lavorando sul cloud attraverso varie macchine impostando un mix di allarmi e promemoria.

Ma è la ricerca di Cortana ad essere la chiave per Microsoft. L’internet dei giorni nostri è guidata dalla ricerca, e la pubblicità intorno alla ricerca è un flusso di reddito fondamentale per molte aziende, tra cui proprio Microsoft. Più ricerche Microsoft è in grado di elaborare e meglio è per le sue finanze. Se Cortana riuscisse a portare più ricerche per Microsoft diminuendo le ricerche Google sui dispositivi Android, Microsoft potrebbe rafforzare la propria posizione indebolendo un concorrente diretto.

microsoft-battaglia-google-informatblog

Cortana non è ancora completamente integrato con Android: è possibile impostarlo dal tasto home ma non si può invocare tramite comandi vocali come su un dispositivo Windows. Cose che possono arrivare nel futuro prossimo, ma per il momento Microsoft sta lavorando per acquisire la conoscenza di Android, le abitudini degli utenti Android, e il modo migliore per portare parte della piattaforma di Google abbastanza vicina al proprio cloud per consentire agli utenti di abituarsi ad usare un account Microsoft. (Un modello simile potrebbe anche essere visto su iOS).

Cortana è un marchio potente per Microsoft grazie all’associazione con Halo e la folla di giocatori, ma anche attraverso gli sforzi di marketing negli ultimi dodici mesi per la sua inclusione in Windows. Con il lancio di Windows 10, Cortana è stato spinto ulteriormente alla ribalta, e dovrebbe non essere una sorpresa vedere la sua ultima versione nel territorio nemico di Android.

Microsoft ha già rilasciato alcuni software impressionanti su Android (e iOS) durante il 2015. Il rilascio di Outlook per Android e iOS ha portato un client di posta elettronica potente e su entrambe le piattaforme e si è dimostrato popolare tra molti utenti. I client per le versioni cloud delle app Office di base (Word, Excel e PowerPoint), consentono a Microsoft di sfidare Google Docs e le applicazioni per ufficio di Apple, fornendo una facile integrazione per i clienti aziendali che investono pesantemente nelle offerte Microsoft. E la flessibilità di OneNote su più piattaforme lo rende ancora uno dei migliori software per prendere appunti.(Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti