Altri accessori

Batterie smartphone che si auto riparano

I ricercatori della Stanford University, assieme allo SLAC (National Accelerator Laboratory) del dipartimento dell’energia degli Stati Uniti, sono riusciti a creare delle batterie avanzate, le quali possiedono degli elettrodi che si auto riparano da soli. Esse possono essere indistintamente batterie smartphone, batterie per auto o batterie industriali.

batterie smartphone autoriparanti

Batterie smartphone che durano più a lungo nel prossimo futuro

Gli ioni di litio presenti all’interno delle batterie  subiscono costantemente processi di caricamento e di scaricamento (gonfiandosi e sgonfiandosi), i quali, provocando delle microfratture, causano un accorciamento della vita delle batterie. La possibilità di superare questo problema apre la strada a nuovi scenari, con batterie smartphone, per esempio, che andrebbero oltre i normali 500 cicli di ricarica.

Il segreto è un polimero elastico che ricopre l’elettrodo. Il polimero si lega all’elettrodo e guarisce spontaneamente le piccole crepe che si sviluppano durante il funzionamento della batteria.

Questo è quanto si legge nel comunicato stampa rilasciato dagli sviluppatori. Secondo poi uno dei capi del progetto, il professore Chao Wang

l’autoguarigione è molto importante per la sopravvivenza e la durata di vita di animali e piante. Vogliamo integrare questa caratteristica nelle batterie agli ioni di litio in modo che possano resistere più a lungo.

Allo scopo di creare un elettrodo auto riparante, il team di sviluppatori ha aggiunto delle nano particelle di carbonio, in modo che il polimero potesse condurre elettricità:

Siamo piuttosto lontani dai circa 500 cicli necessari per una batteria smartphone e dai 3000 cicli per un’automobile, ma c’è grande potenziale e tutti i nostri dati dicono che funziona

Dunque ancora la strada da percorrere è molto lunga, ma visto i risultati ottenuti fino ad ora, non ci sorprenderemo se nel giro di pochi anni questa tecnologia potrebbe essere impiegata a livello di produzione di massa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti