Apple

Bill Gates: Apple dovrebbe sbloccare l’iPhone di San Bernardino

Il settore tecnologico è stato generalmente a fianco di Apple nella sua lotta contro la richiesta dell’FBI per sbloccare l’iPhone collegato alla sparatoria di San Bernardino, ma un unico grande nome è dalla parte dell’ente governativo statunitense: il cofondatore di Microsoft Bill Gates, il quale non sembra essere intimorito da questioni relative all’eventuale sicurezza compromessa e da un potenziale precedente legale.

“Si tratta di un caso specifico in cui il governo sta chiedendo accesso alle informazioni. Non stanno chiedendo una cosa in generale, stanno chiedendo un caso particolare”, ha detto Bill Gates al Financial Times, in disaccordo con il CEO di Apple Tim Cook secondo il quale la richiesta dell’FBI creerebbe una backdoor per gli iPhone.

bill-gates-san-bernardino-informatblog

“E non è diverso dal fatto che qualcuno non dovrebbe mai essere in grado di dire ad una società telefonica di avere delle informazioni, qualcuno che dovrebbe essere in grado di arrivare a documenti bancari. E’ come se una banca legasse un nastro intorno al disco e dicese “non fatemi tagliare questo nastro, perché me lo farete tagliare un milione di altre volte””.

Bill Gates continua: “Speriamo che avremo un dibattito in modo di costruire delle garanzie in modo che la gente non scelga – e questo sarà diverso paese per paese – di dire che è meglio che il governo non abbia l’accesso a tutte le informazioni”. Il co-fondatore di Microsoft crede dunque che ci debbano essere delle norme ben definite in materia di quando il governo deve essere o meno in grado di accedere a tali dati.

Microsoft ha approvato la posizione di Apple, insieme con gli amministratori delegati di Google, Facebook, Twitter e di tante altre aziende tecnologiche, anche se l’attuale CEO di Microsoft Satya Nadella deve ancora commentare la questione dopo aver ritwittato una dichiarazione a sostegno di Apple, da parte del gruppo Reform Government Surveillance. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti