AppleiOS

Le caratteristiche di Apple iOS 8 lasciano dubbiosi i professionisti IT

C’è molto rumore attorno ai cambiamenti imminenti che Apple porterà in iOS 8, ma ha ancora molto lavoro da fare per soddisfare tutte le esigenze delle aziende IT: Apple ha infatti adottato misure drastiche per far fronte a problemi di sicurezza e di gestione del suo sistema operativo mobile, ed ha persino dedicato allo scopo una sezione del suo keynote in occasione della recente Worldwide Developers Conference. In iOS 8 ci saranno più opzioni che mai per la gestione dei dispositivi Apple.

Tuttavia ci sono ancora punti critici per il mondo dei professionisti IT che non sono stati affrontati. Apple rinforzerà le capacità di iOS 8 attorno ad AirDrop – la funzione che consente la condivisione di file tramite una connessione Wi-Fi tra dispositivi Apple – che restano tuttavia insufficienti per alcuni.

Con i PC Windows che restano la scelta dominante per il mercato desktop con quasi il 91% della quota di mercato, (dati di maggio 2014 di NetMarketShare.com) Apple ha ignorato la possibilità di far funzionare AirDrop per connettere dispositivi Apple e PC Windows. Questo è il pensiero di Matt Kosht​​, un direttore IT presso una società di servizi in Alaska. “Perché dovreste perdere quel mercato?” Ha chiesto Kosht​​.

Dovrebbe essere istituito uno standard aperto per consentire ad Apple di integrarsi meglio con quei dispositivi, ma questo non è il tipo di sforzo che Apple ha assunto nella sua storia recente. “Questa mancanza di soluzioni di integrazione tra i Mac e gli altri dispositivi fa parte del core value di Apple”, ha detto Michael Oh, presidente e fondatore di Tech Superpowers.

Apple tuttavia sta aprendo alcune delle sue capacità alle piattaforme esterne, con il nuovo iCloud Drive che funziona con Windows 7 o versioni successive su PC. Ma nessun dispositivo mobile, oltre a quelli che eseguono iOS, sono abilitati per iCloud. Apple potrebbe aprire il suo ecosistema in un modo simile ai concorrenti come Microsoft e BlackBerry negli ultimi anni secondo Eric Klein, analista senior di VDC Research Group di Natick, Massachusetts.

Il dominio di Apple nel mercato consumer dimostra che sta facendo qualcosa di giusto, ma potrebbe adottare un approccio più attivo per rispondere alle preoccupazioni delle imprese, secondo Kosht​​. “Da un punto di vista aziendale, se hanno intenzione di fare sul serio a questo proposito, devono rendere i loro standard molto più aperti di quanto non abbiano già fatto fino ad ora”, ha detto.

Il sensore Touch ID offre opportunità alle imprese

Apple prevede di aprire la sua interfaccia di programmazione delle applicazioni (API) per la funzione di sicurezza biometrica Touch ID a sviluppatori di terze parti in modo da permetterne l’utilizzo per le proprie applicazioni. Con l’aggiunta di funzionalità al codice di accesso a numerose applicazioni native, iOS 8 dovrebbe fornire al mercato IT molte opzioni di sicurezza.

Tuttavia Touch ID non è stato visto come un livello di sicurezza di autenticazione a due fattori, ma piuttosto come alternativa ai codici di accesso. Touch ID è disponibile solo per l’ultima generazione di iPhone, non è stato aggiunto agli iPad. Un tablet con un’autenticazione a due fattori preinstallata sarebbe stata molto ben vista dalle aziende, secondo Oh. “L’utilizzo di chiavette USB e quel genere di cose è abbastanza comune in azienda con i computer portatili, ma una volta arrivati ​​nello spazio mobile l’ultima cosa che si desidera su un tablet è una chiavetta USB o qualche tipo di dispositivo fisico da collegare in qualche modo “, ha detto Oh.

L’utilizzo delle API Touch ID potrebbe anche dare più opportunità ai fornitori di gestione della telefonia mobile in tutto il mondo sui problemi di sicurezza, secondo Klein.

iCloud Drive potrebbe essere un problema per le imprese?

Con iCloud Drive in arrivo su iOS 8 e Yosemite (l’ultima versione di Mac OS X), gli utenti saranno in grado di salvare i file online attraverso il Finder su computer desktop, tra cui Windows 7 o versioni successive. Eppure, iCloud Drive potrebbe presentare grosse sfide per l’IT simili a quelle affrontate con Dropbox, consentendo ai dipendenti di memorizzare i dati aziendali in luoghi non garantiti. Altri sistemi di gestione dei contenuti e di cloud storage – come Box, Dropbox, Google Drive e Microsoft OneDrive, tra molti altri – hanno aggiunto funzionalità di sicurezza e controlli IT negli ultimi mesi. I controlli sulle destinazioni dei dati sono importanti per i responsabili IT come Kosht​​, e restano aperte domande sulla fattibilità dell’impresa per iCloud Drive.

Mentre alcuni dei prodotti dei più grandi nomi di fornitori di cloud storage sono stati ignorati per questi problemi, aziende come Dropbox hanno aggiunto funzionalità enterprise robuste, secondo Klein. “Questo mercato è uno dei pochi che ha una luce molto brillante in questo momento”, ha detto Klein. “C’è molta attività e un cast di primo livello tra cui Google, Microsoft e Apple: sarà davvero affascinante vedere come andrà a finire la storia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti