App

CES 2013: Wintermute della Nuance assistente vocale sulla “nuvola”

WintermuteAnche Nuance avrà il suo assistente vocale. La nota azienda che ha prodotto ottime applicazioni per la dettatura e il riconoscimento vocale, come Dragon Dictation, presto farà concorrenza a Siri di Apple e Google Now presente sui terminali Android. È stata, infatti, presentato nelle scorse ore Wintermute, un assistente vocale cross-platform, quindi utilizzabile su dispositivi differenti, con qualsiasi sistema operativo. La vera novità di questo prodotto è la sua integrazione con i servizi cloud, ormai sempre più presenti nelle applicazioni che utilizziamo quotidianamente.

Cerchiamo di capire come il cloud si integra con un sistema del genere. Durante la presentazione del prodotto al CES 2013 di Las Vegas, all’applicazione, installata su un dispositivo Android, è stato chiesto di riprodurre una canzone di Bob Dylan. Successivamente, da un altro computer, è stato chiesto di proseguire nella riproduzione del brano.

È stato mostrato il funzionamento di Wintermute anche su una Smart TV, la quale era sintonizzata su una partita di football. Da uno smartphone è stato chiesto quale fosse il punteggio delle due squadre, ed esso è stato in grado di rispondere senza aver bisogno di sapere i nomi delle squadre, in quanto, tramite i servizi cloud, queste erano state comunicate dalla Smart TV.

A detta degli sviluppatori, Wintermute potrà essere installato su tutte le piattaforme come iOS, Android, Windows Phone, computer Windows, Smart TV e anche sui sistemi infotainment integrati nelle automobili. Attendiamo fiduciosi l’uscita di questo ottimo servizio, e siamo ansiosi di provarlo per scoprire quali possano essere i reali vantaggi offerti da questa applicazione. Siri e Google Now, per quanto siano stati innovativi, vengono poco utilizzati per la mancanza di funzioni interessanti. Vengono ancora intesi come una novità da tirar fuori solo per mostrarlo agli amici. L’uscita di Wintermute può essere una possibilità di maggiore stimolo per Apple e Google, per migliorare ulteriormente i loro prodotti e renderli più attinenti alla realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti