Whatsapp

Chiamate vocali WhatsApp da adesso anche su iOS

Meno di un mese dopo che WhatsApp ha introdotto le chiamate vocali gratuite per gli utenti della sua app Android, l’azienda di proprietà di Facebook ha iniziato rilasciare questa caratteristica anche per i propri utenti iOS. Come il lancio delle chiamate su Android, avvenuto in febbraio, la funzione non sarà disponibile per tutti i possessori di dispositivi di Apple in una sola volta. La società ha detto che l’aggiornamento “uscirà lentamente nel corso delle prossime settimane”, più veloce della distribuzione Android, ma avrete comunque bisogno di po’ di pazienza.

Con 800 milioni di utenti mensili attivi sul servizio WhatsApp, questa funzione ha il potenziale per sconvolgere le compagnie telefoniche di tutto il mondo che hanno già visto i loro ricavi SMS decimati dalla crescita di applicazioni di messaggistica. WhatsApp in sè gestisce più messaggi dai propri utenti che gli SMS inviati ogni giorno in tutto il mondo. Vale la pena notare, però, che non sappiamo quanti di questi sono sulla app iOS.

whatsapp-chiamata-vocale-ios-informatblog

L’aggiornamento dell’applicazione iOS di oggi include anche un paio di altre caratteristiche, in primo luogo il supporto alle estensioni di iOS 8 per consentire l’invio di video, foto e link per le chat WhatsApp da altre app. Gli utenti possono ora scattare foto più rapidamente all’interno delle chat, e c’è la possibilità di inviare più video in una sola volta – come si può fare con le foto – ognuno dei quali possono essere ritagliati e ruotati prima di essere condivisi.

Il lancio delle chiamate vocali WhatsApp gratuite per iOS è l’ultimo tassello di un flusso costante di aggiornamenti volti a rendere WhatsApp più utile di un semplice sostituto degli SMS. Un altro progresso è stato il lancio di un client desktop Web nel mese di gennaio, consentendo così agli utenti di tenersi in contatto anche quando il loro smartphone è a riposo.

Eppure WhatsApp non include funzionalità aggiuntive, come la comunicazione tra imprese e consumatori, pagamenti o una piattaforma per le app, che sono tutti ormai parte del servizio Facebook Messenger. Ciò non dovrebbe cambiare ancora per un po’, dal momento che tali differenze aiutano l’app di messaggistica di Facebook ad approcciarsi ad un ampio spettro di pubblico – ma rende difficile per WhatsApp monetizzare il proprio servizio in modo significativo. Per ora, almeno. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti