Mercati emergentiMicrosoft

La Cina dà una scadenza a Microsoft per spiegare problemi di software

I funzionari cinesi hanno dato a Microsoft una scadenza per spiegare ciò che hanno chiamato problemi di compatibilità e bundling con il suo software, mettendo sotto pressione il produttore di software in quanto si affacciano i fantasmi dell’antitrust per le sue pratiche commerciali in Cina.

In un comunicato pubblicato sul suo sito web Lunedi, l’Amministrazione statale per l’Industria e il Commercio (State Administration for Industry and Commerce, SAIC) ha detto che la società statunitense dovrebbe emettere una spiegazione scritta entro 20 giorni. L’agenzia ha richiesto a Microsoft di spiegare i “problemi di incompatibilità causati da una mancanza di informazioni rilasciate sui suoi software Windows e Office”, ha detto. Nella breve dichiarazione, l’agenzia ha affermato di aver fissato il termine dopo un incontro con il personale di Microsoft Lunedi. Tra i partecipanti alla riunione David Chen, il vice presidente Microsoft che sovrintende agli affari legali e societari in Cina.

In un comunicato, Microsoft ha detto, “Ci atteniamo rigorosamente alle leggi e norme pertinenti in Cina e abbiamo attivamente collaborato con le indagini della SAIC”. L’indagine ha incluso ispezioni a sorpresa nelle ultime settimane da parte di funzionari del governo cinese presso gli uffici di Microsoft. La SAIC ha detto che ha letto e-mail e altro materiale e ha cercato di parlare con i dirigenti di Microsoft.

L’inchiesta verso Microsoft è una delle tante affrontate da imprese straniere in Cina, in quanto Pechino intensifica la sua legge anti monopolio. I responsabili esteri di auto di lusso si trovano ad affrontare indagini da altre agenzie cinesi a causa dei prezzi delle parti di ricambio e servizi di assistenza. Anche il noto produttore di processori Qualcomm sta affrontando un’indagine relativa alle sue pratiche tariffarie e ha detto che sta cooperando.

La SAIC sovrintende problemi di monopolio che non riguardano fusioni o prezzi, come potenziali accordi di produzione o altre misure che potrebbero portare le aziende fuori misura nel mercato cinese. Essa ha rilasciato alcuni dettagli nell’indagine verso Microsoft, dicendo che stava rispondendo alle lamentele da altre imprese sul sistema operativo Windows e sul suo software di produttività Office.

L’agenzia di stampa controllata dallo Stato Xinhua ha detto Lunedi che altre aziende si sono lamentate di Microsoft, la quale ha usato tecniche di vendita e codici di verifica con Windows e Office in un modo che potrebbe aver infranto la legge antitrust. Il mese scorso, un funzionario della SAIC ha detto che l’agenzia stava anche studiando come Microsoft distribuisce il proprio software media player e browser Internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti