Guide

Come condividere file e cartelle creando una rete Windows e Ubuntu

UbuntuMolto spesso è necessario mettere in comunicazione due computer per mettere in comune file e cartelle. Il problema sorge se si decide di mettere in condivisione i file di un computer linux con uno windows. Fortunatamente  tutte le incompatibilità che possono sorgere tra i due sistemi operativi vengono ovviate da un ottimo prodotto informatico: Samba.

Samba è un ottimo server che consente di mettere computer in condivisione in modo semplice e veloce. Per adoperare questo software è necessario settare opportunamente il programma.  Naturalmente prima di tutto bisogna scaricare ed installare il programma. Con Ubuntu queste due azioni si riassumono in una e si esegue mediante il comando:

sudo apt-get install  samba

Dopo aver installato samba è necessario configurarlo.   La prima configurazione da effettuare è la coppia chiave/valore presente nella sezione global  presente nel file /etc/samba/smb.conf.

workgroup =  inserire un nome che rispecchi la macchina da mettere in condivisione

security = user

Il valore security  si trova qualche riga sotto ed è esaustivamente commentato.

[share]

    comment = Condividere I file di Ubuntu

    path = /srv/samba/share

    browsable = yes

    guest ok = yes

    read only = no

    create mask = 0755

Bisogna quindi fare un attimo di chiarezza:

il valore comment  può essere modificato alla bisogna, non è importante per  il funzionamento del software. Importantissimo è il valore path che indica la cartella dove saranno messi in condivisione i file. In questo caso i file sono inseriti nella cartella  /srv/samba/share.

Il valore browsable abilita l’esplorazione della  cartella  in condivisione mediante il browser web, non di rado è internet explorer.

Il valore guest ok  serve per determinare se la connessione ha bisogno di una passord

Il valore read only serve per indicare se i file possono essere scaricati oppure sono in modalità solo lettura, nel nostro caso i file potranno essere scaricati. Infine il valore create mask serve per impostare i privilegi.

Una volta configurato il server è necessario modificare i permessi e creare la directory:

sudo mkdir -p /srv/samba/share

sudo chown nobody.nogroup /srv/samba/share/

Infine non resta che riavviare il server per rendere effettive le modifiche:

sudo /etc/init.d/samba restart

Ora che il lavoro è terminato non dovrebbe essere difficile  vedere da windows i file messi in comune.

One comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti