Guide

Come Creare Una Chiavetta USB Bootable?

Tutti gli smanettoni amanti della tecnologia avranno problemi molto spesso con i propri computer, per via dei numerosi “esperimenti” a cui li sottopongono . Capita spesso di dover formattare e di non aver a disposizione il dvd del sistema operativo,o di non avere a disposizione un DVD vuoto su cui poter scrivere la iso dell’OS. In questo caso diventano molto utili le chiavette usb che ci permettono di risparmiare tempo (vista anche la velocità superiore ai semplici DVD).

11949856731276210523usb_memory_stick_01.svg_.med_

Questa simpatica ed utile funzione è disponibile non solo per i sistemi operativi Windows (da XP in su), ma anche per la maggior parte delle distro Linux. L’applicazione, attualmente alla versione 2, ha subito radicali cambiamenti rispetto alla prima release e adesso si presenta con una interfaccia che ci permette di scegliere in base a che tipo di iso vogliamo scrivere sulla nostra USB.

Cattura di schermata (42)Dopo aver appositamente scaricato il software dal sito web ufficiale ed esserci muniti della ISO del sistema operativo che vogliamo installare possiamo procedere a rendere Bootable la periferica USB. Appena avviato, Win Usb Maker si presenta con una interfaccia semplice ed accessibile a tutti gli utenti. Infatti, i pulsanti sulla sinistra, ci permettono di eseguire alcune operazioni molto intuitive. Nel caso vogliate creare una USB bootable contenente un sistema operativo Windows o Linux, dovrete selezionare “Setup To USB”.

Una volta fatto ciò, in base a se siete in possesso della ISO o della cartella estratta del sistema operativo, selezionate la prima o seconda opzione, come da immagine: dopo aver fatto questo, premete il pulsante “make USB bootable” e si avvierà il processo, la cui durata dipende dalla iso e dalla velocità del vostro computer, oltre che delle capacità di lettura/scrittura della periferica usb. La seconda opzione, GRLDR to USB, invece, permette di bootare il GRUB di Linux in caso questo si sia corrotto in qualche modo. MSDOS to USB, poi, permette di eseguire tramite USB tutte le funzioni che è possibile svolgere tramite DOS in ambiente Windows.

Full USB Backup/Restore, come dice il nome stesso, permettono di effettuare il backup e successivamente ripristinarlo, del contenuto della periferica usb che stiamo utilizzando. Per concludere, infine, troviamo il tab “transfer status” che, sostanzialmente, indica lo stato di avanzamento dell’intera procedura di copia dei file a bordo della periferica.

One comment
  1. algersis

    Hai omesso di segnalare che questo software per l’installazione richiede Framework 4. Utile per i PC con sistemi operativi Windows non recenti, come ad esempio XP.
    Ma a proposito: lo hai realmente provato? Magari con più sistemi operativi? Oppure qui riporti notizie attinte da altre pagine web, senza sperimentare prima?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti