Hardware

Come far risorgere i vecchi computer con Ubuntu

UbuntuLa crisi è dura a morire e le major della tecnologia continuano a bersagliarci con uscite continue di restyling, aggiornamenti hardware, software e chi più ne ha più ne metta, evitando di guardare in faccia la realtà. Un modo per difenderci da questo attacco inarrestabile del mercato, è quello di cercare di allungare la vita dei dispositivi e dei computer che abbiamo in casa o in ufficio. Non tutti hanno bisogno di hardware sempre più potenti, dotati con l’ultimo processore sempre più performante.

C’è chi nel proprio lavoro o nell’uso quatidiano del computer, ha soltanto l’esigenza di scrivere documenti, inviare e-mail, realizzare presentazioni, impostare una tabella di calcolo, navigare in rete, guardare foto e modificarle, vedere film, ascoltare musica, restare in contatto su Facebook. Per fare queste cose è sufficiente un desktop acquistato 10 anni fa, e con questa guida vi spiegheremo come rimetterli in piedi e farli funzionare, con una soluzione completamente gratuita.

A parte i professionisti di grafica, non c’è ragione per la quale il nostro computer non dovrebbe più fare quello che faceva 6 anni fa. Da questa corsa alle prestazioni esasperate, gli unici a guadagnarci solo i colossi dell’informatica. Per reagire a questa mentalità consumistica, vi consigliamo di rispolverate il computer che avete messo da parte, o conservato in cantina, anche se un po’ vecchiotto, che probabilmente monta ancora Windows XP o Windows Vista, con i soliti problemi di instabilità e di rallentamento. Collegatelo a internet e scaricate l’ultima versione di Ubuntu 12.10 da questo link o richiedete gratuitamente il cd.

I requisiti minimi che deve avere il computer sono questi:

  • 1 GHZx86 Processore (Pentium 4 o superiore)
  • 1 GB di RAM
  • 5 GB di spazio disco (15GB sono raccomandati)
  • Video che supporta la risoluzione 1024×768
  • Supporto Audio
  • Connessione ad Internet

Scaricato il file ISO, questo deve essere masterizzato su un DVD, oppure messo su una pendrive resa avviabile da BIOS. Vediamo come fare.

Masterizzare Ubuntu su un DVD

  • Scaricate il programma ImgBurn da questo link.
  • Installatelo e dopo averlo avviato selezionate Scrivi immagine su disco.
  • Selezionate il file ISO di Ubuntu ed avviate la masterizzazione.

Creare una pendrive di avvio per Ubuntu

Per eseguire l’installazione di Ubuntu da pendrive, procuratevi una pendrive di almeno 2GB.

  • Scaricate Pen Drive Linux’s USB Installer da questo link.
  • Avviate il programma e selezionate la versione di Ubuntu che volete installare.
  • Cliccate su Browse e selezionate il file ISO scaricato precedentemente.
  • Selezionate la pendrive e cliccate su Create.

Installazione di Ubuntu

  • Per installare Ubuntu non dovete far altro che accedere al BIOS del vostro PC (nella maggior parte dei computer si avvia premendo il tasto F2 o canc all’accensione).
  • Ora recatevi nella sezione relativa al boot dei dispositivi del PC e modificate la priorità delle periferiche. Selezionate come prima periferica il lettore DVD oppure la pendrive a seconda del metodo che utilizzate per installare Ubuntu.
  • Salvate i cambiamenti e riavviate il PC dopo avere inserito il DVD o la pendrive. Attendete l’avvio del software di installazione di Ubuntu e seguite la semplice procedura guidata.

Ubuntu installerà automaticamente tutti i driver necessari, codec, flash e molti programmi di base. Ma il punto forte di Ubuntu è la sicurezza. Si può navigare in rete senza la preoccupazione di essere infettati da virus o essere colpiti da hacker “cattivi”. I file e i dati resteranno protetti: un firewall integrato e una protezione contro i virus sono inclusi come standard. E se si manifesta una potenziale minaccia, si hanno a disposizione degli aggiornamenti automatici che possono essere installati con un clic. E grazie a Firefox e al sistema integrato per le chiavi di sicurezza, Ubuntu ti aiuta a mantenere private le tue informazioni più sensibili.

Con Ubuntu, si installa un sistema desktop completo. Tutte le applicazioni installate in modo predefinito sono free.

All’interno del sistema, è presente un Software Center, dove puoi trovare ed installare con facilità tutto quello di cui hai bisogno. Esplora le categorie, leggi le recenzioni degli utenti e scarica gratuitamente quello che ti serve, perchè tutti i software sono open source. Vediamo, di seguito, alcune applicazioni utili, rigorosamente Open Source.

Office

LibreOffice è la suite Open Source di produttività personale che offre sei applicazioni ricche di funzionalità per tutte le necessità di produzione di documenti ed elaborazione dati: Writer, Calc, Impress, Draw, Math e Base. LibreOffice include inoltre un creatore di file PDF; potrete quindi distribuire documenti apribili e leggibili con qualsiasi dispositivo informatico o sistema operativo.

LibreOffice Ubuntu

Grafica

GIMP è il programma per la gestione delle immagini. È un software liberamente distribuibile adatto per fotoritocco, composizione e creazione di immagini. GIMP è estremamente potente e con molte capacità. Può essere utilizzato come semplice programma di disegno, come programma professionale per il foto ritocco, come sistema batch per elaborazione immagini, per risolvere il problema del rendering delle immagini, o come convertitore tra formati immagine e altro ancora.

Gimp UbuntuVideo

Gratuito, open source, legge tutto. Non c’è formato che riesca a metterlo in difficoltà. Potente, veloce e personalizzabile. Nelle recenti versioni di Ubuntu è stata implementata anche l’accelerazione hardware per garantire maggiore fluidità durante la riproduzione ripartendo il carico di lavoro tra processore e scheda grafica.

Musica

Per riprodurre e gestire i propri file musicali, Ubuntu mette a disposizione Rhythmbox, ottimo riproduttore musicale. La prima volta che viene avviato Rhythmbox, viene avviata la ricerca di file musicali all’interno della propria cartella home al fine di renderli disponibili per la riproduzione. Rhythmbox ha numerose caratteristiche come la possibilità di mostrare la copertina dell’album della canzone riprodotta o la condivisione con altre persone dei propri contenuti multimediali.

rhythmbox UbuntuMail

Thunderbird è un client di posta/news/RSS, basato sulla suite Mozilla. Esso supporta diversi account di posta (POP, IMAP, Gmail), ha un filtro integrato antispam e offre una facile organizzazione di mail con tagging e cartelle virtuali. Inoltre, molte funzioni possono essere installate.

Thunderbird Ubuntu

Come vedete c’è tutto quello che serve e molto di più per non rimpiangere i nuovi dispositivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti