Samsung

Samsung spiega come funziona Samsung Pay

L’annuncio di Samsung Pay è arrivato nel momento in cui i pagamenti mobili sembrano destinati a diventare un business sempre più importante e redditizio, con Apple che ha svelato il proprio sistema di pagamento Apple Pay, Google che ha rinnovato il suo Google Wallet, e presumibilmente una piattaforma Android Pay è in lavorazione. Se siete curiosi di sapere come Samsung Pay funzionerà nella pratica, Samsung ha elargito i dettagli su alcune specifiche.

Dal punto di vista hardware, Samsung Pay utilizza la Near Field Communication (NFC) wireless e lettori di carte di credito a banda magnetica più tradizionali, attraverso una tecnologia chiamata Magnetic Secure Transmission (MST). NFC è il più recente dei due e può essere trovato sui terminali più recenti. E’ utilizzato anche per il trasferimento di dati tra telefoni.

samsung-pay-informatblog

Dal punto di vista hardware, Samsung Pay utilizza la Near Field Communication (NFC) wireless e lettori di carte di credito a banda magnetica più tradizionali, attraverso una tecnologia chiamata Magnetic Secure Transmission (MST). NFC è il più recente dei due e può essere trovato sui terminali più recenti. E’ utilizzato anche per il trasferimento di dati tra telefoni.

La banda magnetica è invece una tecnologia più consolidata nel mercato delle vendite al dettaglio ed è utilizzato nella maggior parte dei terminali di pagamento in negozi e ristoranti. Ciò significa che quasi tutti i negozi saranno in grado di accettare pagamenti tramite Samsung Pay, senza che il rivenditore debba aggiornare i suoi terminali ad una nuova tecnologia. Samsung ritiene che il 90% dei commercianti supporta almeno uno di questi metodi.

Dal punto di vista del pagamento, sia NFC che MST usano gli stessi dettagli della carta di credito o di debito memorizzati sul dispositivo mobile. Visa e MasterCard sono già supportate e Samsung sta collaborando con banche e altre società di credito. La memorizzazione dei dati delle carte suona digitalmente rischioso, ma Samsung Pay sostituisce i dati delle carte sensibili con un unico codice sicuro per ogni acquisto, per aiutare a prevenire le frodi.

Per effettuare un acquisto, gli utenti attivano la app Samsung Pay e selezionano una carta registrata per trasferire il denaro. Le transazioni sono poi autenticate utilizzando il lettore di impronte digitali, che agisce come una seconda rete di sicurezza per aiutare a prevenire le frodi. Sembra tutto abbastanza semplice.

Samsung Pay sarà lanciato negli Stati Uniti e in Corea del Sud questa estate, gratuitamente, a seguito di un aggiornamento del firmware per il Galaxy S6 e S6 Edge. Europa e Cina seguiranno subito dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti