Guide

Come mandare email che si cancellano da sole

Gli utenti Gmail possono ora inviare email che possono essere richiamate, o impostare un timer di autodistruzione, attraverso un nuovo addon di Chrome. L’estensione consente ai mittenti di revocare messaggi in un limite di tempo prestabilito o eliminare le email inviate ad altri senza limiti di tempo associato.

In poche parole, gli utenti possono revocare l’accesso alle email in qualsiasi momento, e possono anche scegliere di cancellarle nel giro di un’ora, un giorno o una settimana. Il destinatario saprà quando una email ricevuta si autodistruggerà, e la parte migliore di questo servizio è che il destinatario non deve avere l’estensione installata affinchè il servizio funzioni.

come-inviare-mail-cancellate-informatblog

Dmail, questo il nome del servizio, consente agli utenti di cancellare le email inviate tramite Gmail. Può permettere al mittente di una email di bloccare i destinatari per inviare la stessa email ad altri. Il servizio è stato creato dallo stesso team che dietro Delicious, il servizio di social bookmarking. Dopo aver scaricato e installato l’estensione di Google Chrome, appare un interruttore sullo schermo per gli utenti Gmail, che può essere utilizzato per attivare e disattivare il servizio Dmail all’interno della funzione di composizione messaggio di Gmail.

Quando il servizio è attivo, gli utenti possono specificare quando vogliono che una email inviata si cancelli, oppure possono semplicemente scegliere di revocare l’accesso ad essa in un secondo momento. I destinatari senza Dmail saranno collegati ad una versione web della email, mentre gli utenti con l’estensione possono aprire Gmail per visualizzare l’email.

Una email revocata mostrerà un messaggio di errore. Le “dmail” utilizzano un sistema standard di crittografia a 256 bit che cripta il messaggio sul computer dell’utente stesso. Eric Kuhn, il capo prodotto di Dmail, ha detto a Tech Crunch che né Dmail nè i server Gmail ricevono il messaggio completo, garantendo la completa cifratura.

Gli utenti erano precedentemente in grado di revocare l’accesso su altri servizi di posta elettronica, ma tali opzioni erano piuttosto limitate. Microsoft Outlook consente agli utenti di richiamare le email, ma solo per le aziende che operano su Microsoft Exchange Server. Il problema è che gli utenti possono richiamare solo le email inviate ad altri sullo stesso server di scambio, le email personali o anche quelle inviate da Gmail non possono essere riportate indietro. La funzione “annulla invio” di Gmail consente invece agli utenti soltanto di ritirare l’email entro 30 secondi dall’invio.

Il servizio Dmail si espanderà in altre applicazioni. La società lancerà un’app iOS, seguita da una versione Android. Alla fine, il team di Dmail renderà il servizio di base gratuito, con caratteristiche supplementari disponibili a pagamento. Il servizio a pagamento potrebbe essere utile alle imprese, consentendo ai singoli utenti di continuare a utilizzare un servizio gratuito.

I recenti hacking hanno costruito la percezione che nulla su internet è sicuro. L’opzione per ritirare le informazioni inviate sarà un colpo decisivo tra gli utenti Internet per diffidare dei rischi per la privacy. Dati i molti utenti di Google Chrome, l’estensione Dmail potrà facilmente diventare usata su vasta scala ed estremamente popolare. Inoltre molte aziende si basano su Gmail per la loro corrispondenza ufficiale: le prospettive appaiono brillanti per il nuovo servizio. (Fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti