GuideHardware

Come Migliorare La Durata Della Batteria Del Notebook

Ogni qual volta ci si trova davanti ad un computer portatile (meglio conosciuti con il nome di Notebook, netbook, slekbook e così via), puntualmente si incappa in problemi di batteria dovuti ad un uso non proprio ottimale del computer nel corso dei mesi (o anni). Tuttavia, seguendo alcuni semplici accorgimenti, sarebbe possibile riuscire ad allungare un po’ la vita delle batterie dei nostri computer portatili.

software-per-batterie-pc

[divider]

Controllo Della Luminosità

brightness

Uno dei maggiori colpevoli di un drastico consumo di batteria è senza alcun dubbio il display. Ovviamente a questo non è possibile sostituire nulla, ma si può rimediare solo in un modo: regolare la luminosità. Su gran parte dei dispositivi tecnologici, la luminosità al massimo è la causa dei consumi più grandi, e perciò un settaggio che sia una via di mezzo tra il minimo e il massimo è la cosa ideale. Sui computer, almeno quelli Windows, è possibile regolare la luminosità con il tasto FN più un altro che, di solito può essere o i tasti delle frecce direzionali, oppure F3, F2. In ogni caso, tramite il pannello di controllo di Windows è possibile regolare le impostazioni della luminosità sia quando il notebook è alimentato a batteria, sia quando è alimentato a presa.

[divider]

Sospensione Del Display

1457003_10200978715014688_1445432121_n

Probabilmente al momento dell’acquisto del Notebook quest’impostazione è già settata correttamente dai brand che personalizzano Windows: in ogni caso, quando formattiamo il computer è buona regola configurare le impostazioni riguardanti la sospensione del computer, l’attenuamento e il successivo spegnimento del display quando il computer è inutilizzato. L’impostazione è raggiungibile tramite il Pannello di Controllo, “modifica impostazioni per il risparmio d’energia” (digitate nella barra di ricerca in alto a destra). Settando le vostre impostazioni come nello screen qui in alto, si aumenterà di circa un 15% l’autonomia della vostra batteria, ammesso che non stressiate il vostro computer con operazioni del tipo elaborazione video, giochi e quant’altro.

[divider]

Disattivare Periferiche “Esterne”

IMG_20131103_1

Ogni computer al suo interno integra delle periferiche secondarie che possono essere attivate/disattivate in base alle nostre esigenze: si tratta di periferiche come il Bluetooth, il Wi-Fi, gli infrarossi (nei computer più datati). Queste opzioni, se non utilizzate è possibile disattivarle tramite il tasto FN sulla tastiera, in correlazione con altri (quali possono essere F3, F4, F5 etc). Disattivando queste periferiche che anche in standby influiscono sulla batteria, è possibile ottenere un margine di miglioramento di almeno 5-7%.

[divider]

Profilo “Risparmio”

1394858_10200978715134691_2125720415_n

Tuttavia, per semplificare le cose, Windows offre dei profili predefiniti per settare queste impostazioni: ognuno di questi tre profili va usato in base al tipo di uso che facciamo del computer.

  • Prestazioni elevate: come dal nome è possibile  capire, questo profilo va contro quello che è il risparmio batteria e spinge al massimo il nostro computer.
  • Risparmio di Energia: una serie di impostazioni combinate con lo scopo di risparmiare qualche decina di minuti sulla batteria.
  • Bilanciato: è forse il più consigliato, una via di mezzo tra le voci precedentemente elencate.

[divider]

Altri Accorgimenti

Quando non siamo al computer, se questo è acceso continua comunque a consumare batteria: ci sono, dunque, una serie di accorgimenti banali da seguire per riuscire a ricavare qualcosina in più dalla nostra batteria.

  • Disattivare lo ScreenSaver: oggi, avere lo screensaver attivo è solo una cosa alquanto inutile ed è molto conveniente disattivarlo e permettere al display di andare in standby quando non lo usiamo.
  • Avere poche applicazioni in background: un numero grande di applicazioni aperte, infatti, significa consumo di risorse fondamentali per il computer che potrebbero essere risparmiate.
  • Non eseguire decine di operazioni contemporaneamente, permettendo al computer di gestire la ram più facilmente senza affaticare/sovraccaricare la memoria di sistema.

Voi personalmente adottate qualche altro accorgimento? Fatecelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti