Dati finanziariMicrosoft

Come potrà Microsoft far soldi con Minecraft?

Microsoft è stata in grado di attirare un sacco di attenzione su di sé con l’acquisizione di Minecraft per una cifra attorno ai 2,5 miliardi dollari. Secondo il Wall Street Journal, “l’anno scorso l’azienda ha guadagnato circa 90 milioni su un reddito lordo di 235.000.000” Sulla base dei 90 milioni di guadagno, tolte le tasse del 35%, l’utile netto è stato di circa 58,5 milioni dollari. Pertanto, l’acquisizione da 2,5 miliardi di dollari è stata effettuata a 42,7 volte gli utili. Questo è un prezzo piuttosto alto, ma dato il tasso di crescita relativamente elevato, e la possibilità di monetizzare il servizio in modi diversi, potrebbe essere comunque un acquisto abbastanza di successo per Microsoft.

Quindi, Mojang (i creatori di Minecraft) si unirà ad un gruppo di successo di aziende che operano sotto l’ombrello Microsoft. Mantenere l’autonomia durante la creazione di modi per monetizzare acquisizioni è qualcosa in cui Microsoft è diventata molto brava nel corso degli anni. Quando si tratta di multi-miliardi di dollari di offerte, Microsoft tende ad essere molto cauta con le modalità di integrazione nella società e come essa incanali l’azienda ad essere una parte del portafoglio massiccio di imprese di Microsoft.

Ci sono state molte speculazioni, che hanno spaziato dal “Microsoft rovinerà Minecraft” al “Microsoft renderà Minecraft un gioco esclusivo per PC e Xbox”. Ancora una volta, siamo abbastanza sicuri che Microsoft è in grado di fare grandi giochi, quindi sarà altamente improbabile che Microsoft rovini questo franchise. Inoltre, possono esserci modi con cui Microsoft può ulteriormente aumentare i suoi introiti senza rovinare l’esperienza di gioco corrente.

Molti giocatori di Minecraft hanno creato dei server privati​​, in cui amici o un gruppo di persone possono stare insieme e godere di un’esperienza personalizzata. Inoltre, alcuni server personalizzati rendono conto alle istituzioni scolastiche nelle quali essi hanno un maggiore controllo sulla meccanica di gioco su quando gli studenti possono o non possono avere accesso al server. L’obiettivo primario di Microsoft è quindi di semplificare il processo di creazione di server virtuali per le persone che ne vogliono creare uno. Questo dovrebbe essere relativamente facile per Microsoft in quanto è una delle aziende più competitive e competenti nel campo delle infrastrutture cloud, e può integrare le offerte cloud con una GUI che una persona media può comprendere ed imparare a utilizzare.

Sappiamo che le configurazioni di server di Microsoft sono più economiche del 66% rispetto a Oracle. Accoppiate con le tecnologie di back-up di dati e la prevenzione contro i malware, Microsoft ha una soluzione cloud piuttosto completa. Inoltre, c’è un sacco di flessibilità con le soluzioni cloud di Microsoft. Forse un utente vorrà un server che ospita Minecraft, ma potrà anche voler ospitare il suo sito web privato tramite il server di Microsoft, e anche voler memorizzare i suoi dati privati ​​sui server di Microsoft. E’ possibile che vi siano opportunità di cross-selling, anche se Minecraft è più di un prodotto di consumo, e questo è un fattore che rende interessante questa acquisizione.

Secondo un forum di Minecraft, i prezzi vanno da 5 a 110 dollari al mese per un server privato. Ora, se Microsoft può vendere a 1 milione di utenti un server dedicato a 40 dollari ogni mese, l’azienda avrà un ingresso ulteriore di 400 milioni dollari l’anno. Associate l’affitto dei server con la licenza di vendita in corso e futuri pacchetti di espansione o mods, e Microsoft potrebbe essere sulla buona strada per trasformare Minecraft in un enorme vacca da mungere.

Certo, questi calcoli sono piuttosto indicative, le entrate che Microsoft può guadagnare dai server privati ​​possono variare in modo significativo. Ma siamo fortemente convinti che questa acquisizione avrà un impatto positivo sulla vita futura di Microsoft.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti