GuideSoftware

Come velocizzare Windows 8

velocizzare windows 8

velocizzare windows 8

Nella guida di oggi vi mostrerò come velocizzare Windows 8, alcuni passaggi sono complicati, ma spiegati come si deve anche chi non è molto pratico riuscirà a farli. Consiglio la chiusura di ogni applicazione che state utilizzando per lavoro, sarebbe meglio avere solo questa pagina aperta e i programmi che io vi consiglierò di utilizzare.

Velocizzare Windows 8 non è molto difficile, come nelle altre versioni di Windows abbiamo a disposizione Tool e impostazioni di sistema che ci permettono di dare una pulizia e di riorganizzare il nostro computer, certo non possiamo aspettarci un salto ma se vogliamo rinunciare all’aspetto grafico, alle animazioni e ad alcune comodità di sistema possiamo tranquillamente procedere. Ovviamente non siete obbligati a seguire tutta la guida, potete saltare anche alcuni passaggi ad esempio quello che riguarda la disabilitazione delle animazioni. Attenetevi solo a ciò che vi dice il testo, non apportate altre modifiche o il sistema potrebbe risentirne, ad esempio con problemi sull’avvio dei programmi.

1-Disinstalliamo i programmi inutili

Sicuramente nel vostro pc avete avuto a che fare con programmi che richiedevano l’installazione di altri software pubblicizzati o consigliati e non avete mai avuto il tempo e la voglia di toglierli, per velocizzare windows è necessario eliminare tutto ciò che non ci è di concreta utilità. Ciò vi permetterà di risparmiare spazio su disco, di eliminare chiavi di sistema inutili e di avere un minor tempo di avvio. Per farlo basta recarsi in Computer e Installazione Applicazioni. Troverete la lista con i programmi installati, basta selezionare il programma e cliccare sul pulsante disinstalla.

2-Facciamo una ScanDisk

Se vi siete cimentati nell’installazione di Windows 8 su un pc abbastanza vecchio potrebbe essere che la lentezza sia causata dal disco, per velocizzare Windows 8 in questo caso abbiamo bisogno di un’operazione chiamata ScanDisk, che rileva gli errori dell’hard disk e li corregge evitando la scrittura dei dati su parti rovinate (e quindi la loro perdita) e diminuendo il tempo che l’hard disk impiega per trovare uno spazio in cui scrivere. Il tutto deve essere fatto dopo un riavvio del computer, perciò chiudete tutte le vostre applicazioni, andate in Computer, cliccate tasto destro sul disco rigido C e scegliete proprietà. Nella finestra che vi appare andate sulla flag strumenti e scegliete ScanDisk, dopodichè nell’altra finestra più piccola spuntate tutti i quadratini e cliccate su Avvia. Vi dirà che il controllo verrà pianificato per il prossimo riavvio del computer, voi dite Ok e chiudete tutte le finestre, il riavvio lo faremo più avanti dopo che vedremo altri passi.

3-Ccleaner in nostro aiuto!

Ccleaner è un applicazione abbastanza nota, è presente anche in versione gratuita, cioè quella che andremo a scaricare noi. La sua funzione è quella di eliminare tutti i dati temporanei e i dati delle applicazioni che sono state disinstallate dal nostro sistema, ciò permetterà una riduzione di spazio occupato ed una maggiore velocità nell’accesso alla memoria da parte dei programmi. Procediamo al download e avviamo l’installazione di Ccleaner, seguiamo i semplici passaggi e al termine avviamo l’applicazione.

Siamo pronti per avviare il programma, nella finestra troveremo dei menù, noi di default ci troviamo nella tendina “Pulizia”, dovete farvi un domanda: che browser utilizzo? Io ad esempio uso Google Chrome, prima di avviare la pulizia mi reco nel sotto-menu “Applicazioni” e tolgo la spunta in ogni quadratino che include Google Chrome, in modo da non eliminare preferiti, cronologia download e quant’altro, comprese password, se non vi interessa delle informazioni che avete salvato nel browser potete allora lasciare perdere e fare una pulizia completa dell sistema, se avete tolto la spunta procedete con la Pulizia. Stessa cosa nel menù “Registro”, facciamo una pulizia del registro, nella finestra che si apre clicchiamo su “Ripara selezionati”. Questo permetterà una cancellazione dei parametri di sistema e delle chiavi create e non più in utilizzo, quindi occupano solo il Registro di Sistema.

All’interno di questo ottimo programma abbiamo anche la possibilità di impostare i programmi che possono partire all’avvio del sistema, ad esempio Skype o Messenger, se programmi che non vi servono occupano risorse durante l’uso del sistema è opportuno bloccarli e non permettergli l’avvio automatico. Per far ciò andiamo su “Strumenti”, sul sotto-menu “Avvio” e cliccando sull’applicazione che non ci interessa possiamo premere sul pulsante “Disattiva” per eliminarla dalla lista di Avvio. Con questo metodo l’avvio del nostro sistema sarà molto immediato e non avremo applicazioni fastidiose che rallentano il sistema durante l’utilizzo, ovviamente state attenti a non eliminare l’Antivirus, o potreste ritrovarvi senza copertura.

4-Eliminiamo l’indicizzazione dei files

Il nostro disco C ad ogni accensione e durante l’utilizzo del sistema fa un indicizzazione dei files, cioè li organizza e ne tiene traccia per velocizzarne la ricerca nel sistema. Eliminando questa opzione possiamo fare in modo che Windows riduca il carico di lavoro del processore e dell’Hard Disk aumentando quindi le prestazioni disponibili. Per fare tutto ciò dobbiamo recarci in Computer e selezionare il Disco C premendo tasto destro sul mouse, scegliamo la voce proprietà e rimanendo sulla flag principale deselezioniamo la spunta “Consenti l’indicizzazione del contenuto e delle proprietà dei file di questa unità”. A questo punto si avvierà una procedura abbastanza lunga, scegliamo Ignora qualora dovesse arrivare un messaggio di errore che indica che alcuni files non possono essere modificati e aspettiamo che l’operazione termini. Chiudiamo tutte le finestre e ora possiamo passare al punto 5.

5-E’ ora di una deframmentazione

Come ogni computer che si rispetti anche il vostro necessiterà di una deframmentazione (a meno che non montiate già una memoria SSD, ma sicuramente Windows 8 sarebbe una scheggia se l’avreste), nel pacchetto Zip che avevamo scaricato precedentemente installate l’altro programma, Defraggler, fa sempre parte dei creatori di Ccleaner, la Piriform, è un ottimo software di deframmentazione e oggi noi lo andremo ad utilizzare. Deframmentare vuol dire riorganizzare, il suo scopo è quello di rimettere in ordine i files all’interno dell’Hard disk in modo tale da avere le varie parti dei files più vicine possibili e da non ritardarne la lettura. Installato il software procediamo dal tasto in basso Deframmenta, ci metterà un bel pò se non ne avete mai fatta una e se il vostro pc è in uso da un mesetto o più. Come potete vedere durante l’operazione, dei quadratini rispecchiano lo spostamento dei dati nell’hard disk e la loro organizzazione, più il colore è omogeneo più l’operazione sta andando a buon fine e ciò indica un ottimizzazione del disco maggiore.

6-Il risparmio di energia

Molti di voi non sapranno che per velocizzare Windows basta solo impostare il risparmio di energia su prestazioni elevate. Ebbene si un risparmio di energia attivo fa in modo che la frequenza del processore si abbassi per risparmiare ma ciò comporta una netta diminuzione delle prestazioni. Per disattivarlo bisogna andare nel “Pannello di Controllo” presente in Computer, “Sistema e Sicurezza” e  “Impostazioni di risparmio energia”. Scegliamo “Prestazioni elevate” ciò ci consentirà di avere la frequenza della CPU sempre al massimo, di limitare le sospensioni e lo spegnimento del display e di preservare il pc con la massima potenza di raffreddamento.

7-Eliminiamo la grafica (solo per chi vuole).

Normalmente Windows è pieno di animazioni, di dettagli definiti, e di trasparenze, inutili per le prestazioni del sistema, ma piacevoli da vedere e da utilizzare, io personalmente le mantengo, ma chi non bada a queste piccolezze può sempre rinunciare alla grafica per velocizzare Windows. Non è così invasiva, in sostanza perdiamo la trasparenza delle finestre e le animazioni di spostamento, quindi è consigliabile eliminarle a fronte di un aumento delle prestazioni anche del 10%, per farlo premiamo il tasto “Start” +” R ” e inseriamo la chiave sysdm.cpl, si aprirà una finestra delle proprietà del sistema, andiamo sulla flag “Avanzate” e scegliamo la prima voce “Impostazioni” troveremo tante scelte deselezionate solo queste:Anima le finestre quando vengono ingrandite o ridotte

  • Animazioni sulla barra delle applicazioni
  • Apri caselle combinate con effetto scorrimento
  • Controlli ed elementi animati nelle finestre
  • Dissolvi le voci di menu dopo il click
  • Mostra ombreggiatura del puntatore del mouse
  • Mostra ombreggiatura delle finestre
  • Sposta in modo uniforme le caselle di riepilogo
  • Salva le anteprime della barra delle applicazioni
  • Visualizza menu con effetto di dissolvenza
  • Visualizza rettangolo di selezione trasparente
  • Visualizza suggerimenti con effetto dissolvenza o scorrimento

Premiamo su “Applica” e chiudiamo la finestra, come vedete il sistema ha cambiato un pò “forma”, linee un pò meno morbide, ma la navigazione fra cartelle e software è molto più fluida.

8-Confermiamo tutte le modifiche

Non ci resta altro da fare che confermare tutti i cambiamenti effettuati nel sistema, per farlo basta riavviare il sistema operativo, ricordate però la nostra pianificazione del punto 2, al prossimo riavvio non dobbiamo toccare ne mouse ne tastiera, Windows partirà subito con lo ScanDisk e al termine passerà al profilo utente.

Spero che la guida vi sia stata utile e che ora possiate apprezzare di più il nuovo sistema Windows 8, per qualunque domanda non esitate a lasciare un commento!

2 comments
  1. mauro

    Cioè, io non capisco, sempre le stesse cose. Ma sei proprio un mago. Complimenti. Ormai ste cose le sanno cani e porci. Scrivi qualcosa di nuovo e decente pirla !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti