Hardware

Computer quantistico: delusione o solo ottimismo per il futuro?

Nell’ultimo periodo abbiamo spesse volte sentito parlare di computer quantistico e delle potenzialità che dovrebbe avere in futuro. Secondo molti, un giorno questo tipo di computer soppianterà gli attuali realizzati con chip in silicio, dato che per essi la legge di Moore ha dato una fine abbastanza ravvicinata.

computer quantistico

Nonostante si preveda sia una cosa futuro, molti produttori stanno già incominciando a sviluppare progetti sul computer quantistico. Uno di essi è Google, colosso dell’informatica che ha un pò le mani in pasta dappertutto, al fine di consolidare la sua posizione dominante in questo settore. Il computer quantistico sul quale sta lavorando Google si chiama D-Wave 2 ed ha suscitato molto interesse, tanto che la NASA e l’NSA hanno strizzato l’occhio al progetto.

In controtendenza con le grandi aspettative però, i primi test di laboratorio hanno evidenziato come la potenza computazionale di questo computer quantistico sia abbastanza irrisoria, addirittura inferiore a quella dei moderni computer desktop destinati al mercato consumer. A far emergere questo dato è stata una ricerca condotta da Science, un autorevole rivista scientifica che da tanto tempo è impegnata in queste cose.

Lo studio condotto da Science però, non nega in maniera assoluta che questo tipo di computer in futuro possa arrivare a soppiantare i comuni PC moderni, poiché non pone nè limiti fisici e nè limiti teorici. Purtroppo al momento non si stanno ottenendo i risultati sperati e questo potrebbe accadere ancora per molti anni, finché la legge di Moore non ricadrà in maniera definitiva sui chip in silicio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti