Altri accessori

Corning Gorilla Glass 5 proteggerà lo smartphone da cadute epiche

Il produttore di vetri per smartphone Corning ha appena svelato la sua nuova versione del Gorilla Glass, il vetro super-chimicamente rinforzato che decine di produttori di smartphone utilizzano nei loro dispositivi, chiamato Gorilla Glass 5.

Il nuovo vetro è stato formulato per migliorare la resistenza alla caduta dei dispositivi su superfici ruvide da determinate altezze – in particolare, dall’altezza della vita all’altezza delle spalle. Corning dice che grazie al Gorilla Glass 5, gli smartphone possono sopravvivere fino all’80% in più in caso di caduta da 1,6 metri.

Il nuovo vetro è il successore del Corning Gorilla Glass 4, introdotto nell’autunno del 2014. Gorilla Glass 4 era già due volte più resistente della precedente versione, con il doppio di probabilità di sopravvivere a cadute su superfici irregolari, ma solo da circa un metro di altezza.

corning gorilla glass 5 informatblog

La ricerca interna di Corning ha mostrato che l’85% dei possessori di smartphone hanno fatto cadere i loro telefoni almeno una volta nel corso dell’anno passato, e che i due terzi di quelle cadute accadono da altezze che variano dalla vita alle spalle. Così, anche se le versioni precedenti erano resistenti, non lo erano necessariamente così tanto il telefono veniva fatto cadere dalla tasca o durante lo scatto di una foto. E le superfici ruvide sono particolarmente brutali per gli smartphone delicati, dunque gran parte della ricerca e sviluppo del nuovo vetro si è focalizzata proprio su questo.

Ci sono alcune avvertenze per il nuovo Gorilla Glass 5. La prima è che il tasso di sopravvivenza dell’80% che Corning ha raggiunto nei test è stato ottenuto con vetri spessi 0.6 mm. Corning ora produce il suo Gorilla Glass 5 più sottile, soltanto 0.4mm, quindi le aziende che scelgono vetro più sottile o design più rigidi possono avere risultati diversi.

Inoltre, la maggior parte dei prototipi visti presso gli uffici della Silicon Valley di Corning erano ideali per cadute frontali, il che significa il telefono cade piatto sul volto, piuttosto che sull’angolo o sul bordo (che, per inciso, è come capita sempre). Al vice presidente di Corning John Bayne sono state chieste informazioni sulla resilienza del nuovo Gorilla Glass 5 in tali casi, e ha detto che dipende dal design complessivo del telefono cellulare, non solo dal vetro.

“Ciò che definirà le prestazioni del dispositivo generale su tali tipi di cadute è la rigidità del design del telefono, ma anche come è confezionato il vetro”, ha detto Bayne. Molto di questo dipende da quanto il telefono sta sopra il vetro. “Può essere molto alto, oppure può essere protetto dalla lunetta. Quindi, un telefono del primo tipo non si comporta allo stesso modo rispetto ad uno del secondo”. “E per i design 3D, il bordo è più esposto … e si deve essere sensibili a questo fatto”, ha aggiunto.

Fondamentalmente, Corning dice che spetta ai costruttori in alcuni casi, e non a Corning. L’azienda collabora con alcuni produttori per tutto il processo di progettazione, ma altri sono più protettivi nei confronti dei loro progetti.

Gorilla Glass è arrivato sui dispositivi elettronici di consumo nel 2007. Da allora ha migliorato la durata complessiva e la resistenza ai graffi dei telefoni, diventando via via più sottile. Quando il primo Gorilla Glass uscì, gli smartphone erano solo circa il 10% dei telefoni di tutto il mondo; ora sono quasi il 75%. Corning dice che 4,5 miliardi di smartphone hanno il suo vetro fino ad oggi. Produttori come Samsung, HTC, Lenovo, Huawei, LG, HP e Asus hanno tutti i dispositivi realizzati utilizzando il Gorilla Glass.

Gorilla Glass 5 è in produzione da oggi e la società dice che ne sentiremo parlare di più nei prossimi mesi. Quindi c’è la possibilità che sarà pronto giusto in tempo per tutti gli eventi hardware del prossimo autunno. (Fonte)

Ti è piaciuta questa notizia? Condividila sui tuoi social preferiti!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide più interessanti